02_Elementi/Icone/FrecciaSinistra Torna a Insight
Approfondimenti > Media

L'ascesa degli annunci sociali a pagamento Completare l'approccio pubblicitario integrato

2 minuti di lettura | Febbraio 2013

In un ambiente fiorente come quello dei social media, i pubblicitari considerano sempre più la pubblicità a pagamento sui social media come parte integrante del loro kit di strumenti di marketing. Secondo un recente rapporto di Vizu, una società di Nielsen, la maggior parte degli inserzionisti dichiara di utilizzare la pubblicità a pagamento sui social media insieme ad altre pubblicità online e offline (rispettivamente il 66% e il 51%). Solo il 5% degli inserzionisti dichiara di gestire campagne prevalentemente social. La pubblicità sui social media utilizza tattiche uniche, come i contenuti sponsorizzati, i grafici dei marchi e l'influenza degli influencer, che sono diventati aspetti standard di qualsiasi campagna integrata.

Alla domanda su quali tattiche online affiancano di solito la pubblicità a pagamento sui social media, le tre principali risposte degli inserzionisti sono state: display online (83%), video online (46%) e mobile (40%). Nel mondo offline, gli inserzionisti hanno dichiarato di combinare gli annunci a pagamento sui social media con la stampa (52%), seguita dalla TV (37%).

I brand marketer non solo utilizzano la pubblicità a pagamento sui social media come parte delle loro campagne integrate, ma la utilizzano soprattutto come strumento di branding anziché come tattica di risposta diretta. Quasi la metà (45%) degli inserzionisti dichiara di utilizzare la pubblicità a pagamento sui social media per il branding, ad esempio per aumentare la consapevolezza e influenzare le opinioni sul marchio. Solo il 16% afferma che i propri sforzi sono principalmente legati alla risposta diretta, tra cui la ricerca di prodotti e le visite al sito.

"Con l'aumento della pubblicità a pagamento sui social media, non sorprende che i marketer stiano iniziando a cercare misure reali di ritorno sull'investimento per giustificare il loro investimento", ha dichiarato Jeff Smith, SVP, Product Leadership for Advertising Effectiveness, Nielsen. "E con gli annunci a pagamento sui social che fanno sempre più parte di campagne integrate e legate al branding, c'è una reale richiesta di metriche che siano coerenti con quelle utilizzate per altri media, come il brand lift e il sales lift".

Scaricate il rapporto Paid Social Media Advertising: Industry Update and Best Practices qui.

Per saperne di più o per registrarsi a un prossimo webinar Nielsen sui social media e il nuovo eco-sistema pubblicitario, cliccare qui.

Metodologia

I risultati sono stati ricavati da un sondaggio online commissionato da Vizu, una società di Nielsen, a più di 500 professionisti del marketing digitale e dei media sugli atteggiamenti e le pratiche attuali in materia di pubblicità a pagamento sui social media. L'indagine è stata condotta da Digiday nell'autunno 2012.

Tag correlati:

Continua a sfogliare approfondimenti simili