02_Elementi/Icone/FrecciaSinistra Torna a Insight
Approfondimenti > Media

Sintonizzarsi sulle abitudini di ascolto della radio... nei mercati grandi e piccoli

3 minuti di lettura | Maggio 2014

Secondo il rapporto Audio Today di Nielsen, relativo al secondo trimestre, gran parte dell'ascolto radiofonico di 244,4 milioni di americani avviene fuori casa, tra i lavoratori. A livello nazionale, l'ascolto della radio va e viene nel corso della giornata lavorativa. Ma poiché ogni mercato americano è unico, le influenze locali giocano un ruolo importante nel determinare come e quando gli ascoltatori si avvicinano alla radio. Per capire meglio come i mercati locali possano differire dal livello nazionale, abbiamo suddiviso l'audience nazionale tra i mercati dei portable people meter (PPM) e dei diari radiofonici.

A livello nazionale, l'ora delle 7 del mattino è in testa durante la settimana dal lunedì al venerdì, seguita dalle 15 e da mezzogiorno. I picchi angolati della curva di ascolto radiofonico nazionale evidenziano i picchi durante questi periodi chiave. La curva degli ascolti del fine settimana, invece, è molto più arrotondata e mostra come l'audience cresca gradualmente fino al picco di metà giornata, per poi iniziare a calare allo stesso ritmo di crescita. 

Abbiamo suddiviso questa visione complessiva dell'ascolto in base ai due tipi di mercati misurati. Le seguenti curve di ascolto si basano sull'audience nazionale del quarto d'ora medio (AQH) per gli ascoltatori dai 12 anni in su, suddivisi nei 48 maggiori mercati statunitensi misurati elettronicamente da PPM, e confrontati con gli oltre 200 mercati di medie e piccole dimensioni in cui Nielsen utilizza un diario audio per rilevare l'ascolto. 

Durante la settimana lavorativa, le curve di ascolto del PPM e del diario seguono entrambe un percorso simile a quello della curva nazionale, aumentando drasticamente nella fascia oraria delle 7 del mattino (una delle ore più importanti per la radio, indipendentemente dal luogo di programmazione) e poi aumentando di nuovo verso l'ora di pranzo. Tuttavia, ci sono alcune differenze fondamentali, soprattutto nel pomeriggio. A differenza della curva nazionale, il picco di ascolto nei mercati PPM è in realtà l'ora delle 15.00 (le 7.00 sono al secondo posto), e l'ascolto è significativo e sostenuto fino alle 18.00, quando i pendolari iniziano ad arrivare a casa. La curva del diario, come quella nazionale, raggiunge il picco alle 7 del mattino e non ha la stessa drammatica impennata nel pomeriggio.

Queste differenze fanno sì che la fascia oraria pomeridiana (15.00-19.00) sia la più ascoltata nei mercati PPM, mentre quella mattutina (6.00-10.00) è in testa nei mercati diary. Nei fine settimana, emerge una storia simile: mentre entrambi i pubblici raggiungono il picco nell'ora delle 12.00, il pubblico PPM mantiene l'ascolto più a lungo nel pomeriggio rispetto ai mercati diary.

Queste sottili differenze iniziano a manifestarsi in modo molto più evidente quando ci si immerge nei mercati locali e si inizia a confrontare il flusso degli ascolti radiofonici durante la giornata. Sapere in anticipo quando concentrare i contenuti migliori in base alle dimensioni del mercato è una distinzione importante da fare mentre si studiano tutte le sfumature del panorama radiofonico della città. Questi dati sono fondamentali per i programmatori radiofonici, che devono valutare come strutturare i contenuti delle loro emittenti per massimizzare gli ascolti nelle ore di punta e minimizzare i rischi nelle ore non di punta.

Tag correlati:

Continua a sfogliare approfondimenti simili