Passa al contenuto
Approfondimenti > Media

Studio globale di Nielsen: VoD (video on demand) contro la TV tradizionale in Ucraina e nel mondo

2 minuti di lettura | Marzo 2016
  • La maggioranza degli intervistati in Ucraina (67%) preferisce la TV via cavo o via satellite
  • Un ucraino su quattro è pronto a cambiare la TV tradizionale con un servizio a pagamento "Video on Demand" e a guardare contenuti a pagamento solo nel canale online.

Secondo un'indagine globale di Nielsen (Video on Demand), la maggior parte degli intervistati ucraini (67%), europei (65%) e mondiali (72%) preferisce la televisione tradizionale, ovvero la pay-TV e la TV satellitare. Nonostante il rapido sviluppo del panorama mediatico, quando oggi i consumatori di contenuti televisivi a pagamento hanno un'ampia scelta di piattaforme per guardarli, solo l'8% degli intervistati in Ucraina utilizza servizi video a pagamento. In Europa, secondo l'indagine, l'11% degli utenti dei servizi video online a pagamento. Il tasso più alto di utenti dichiarati di "video on demand" si registra in Nord America (35%). Il Video on Demand (video su richiesta) consente di visualizzare i contenuti in tempo reale: permette di trovare il video di interesse online, pagarlo e guardarlo in qualsiasi momento conveniente senza essere legati all'orario di uscita in TV.

Mentre la maggior parte degli intervistati ucraini (74%) non intende rinunciare ai servizi tradizionali dei provider via cavo e via satellite, un ucraino su quattro (26%) è pronto a farlo a favore dei contenuti televisivi online a pagamento su richiesta (* VoD - video on demand). Ad esempio, tra tutti i Paesi europei che hanno partecipato all'indagine, la percentuale maggiore di intervistati che non hanno intenzione di cambiare la TV tradizionale e non intendono passare completamente ai contenuti a pagamento su Internet, si registra in Estonia (94%).

Nell'ambito di un'indagine globale, Video on Demand Nielsen ha intervistato 30.000 intervistati online in 61 Paesi, tra cui l'Ucraina, per scoprire l'atteggiamento degli spettatori nei confronti del servizio Video on Demand a pagamento. Questo servizio sta già diventando familiare sia agli spettatori globali che a quelli ucraini. Tra coloro che utilizzano il servizio "Video on Demand" in Ucraina, più della metà (62%) dichiara di guardare contenuti a pagamento almeno una volta al giorno. In Europa, invece, solo un utente su tre di Video-on-Demand (38%) ha dichiarato di guardare video online a pagamento almeno una volta al giorno.

Per quanto riguarda i dispositivi di visualizzazione, l'89% degli utenti ucraini del servizio a pagamento "Video on Demand" dichiara di visualizzare i contenuti a pagamento in tempo reale su un personal computer, il 54% degli intervistati su un telefono cellulare e il 40% su un tablet. Secondo lo studio, gli spettatori ucraini guardano contenuti a pagamento come lungometraggi (85%), brevi video (57%) e serie TV (53%). È interessante notare che in Europa solo il 20% degli intervistati guarda contenuti giornalistici a pagamento.