02_Elementi/Icone/FrecciaSinistra Torna a Insight
Approfondimenti > Sport e giochi

I preadolescenti hanno bisogno di opzioni di pagamento moderne per i videogiochi digitali di oggi

3 minuti di lettura | Novembre 2019

La gamma di strategie di monetizzazione nel settore dei videogiochi è varia e in espansione, e ciò significa che anche il rischio associato ai metodi di pagamento tradizionali si sta espandendo.

Pensateci: È passato molto tempo da quando gli unici costi dei videogiochi riguardavano la console, i controller e i giochi stessi. I videogiochi digitali di oggi offrono molti modi per invogliare i giocatori ad aprire il portafoglio: microtransazioni, contenuti scaricabili, abbonamenti di gioco, ecc. I giocatori, tuttavia, non possono acquistare queste offerte digitali - e quelle che vedremo in futuro - con denaro contante. Tradizionalmente, è qui che entrano in gioco le carte di credito.

Ora pensate a quella carta di credito nelle mani dei preadolescenti, un gruppo demografico che secondo le proiezioni quest'anno spenderà poco meno di 2 miliardi di dollari in giochi digitali. E per di più, questa spesa continuerà a crescere nei prossimi quattro anni.

I bambini vogliono acquistare contenuti digitali come gli abiti di Fortnite, ma è improbabile che i genitori consegnino semplicemente una carta di credito quando i loro figli iniziano a giocare ai videogiochi. È possibile, tuttavia, che il controllo dei genitori sulle transazioni effettuate con la carta di credito dei figli diminuisca con il passare del tempo, il che è una ricetta per grossi grattacapi: addebiti non approvati, furto di dati della carta di credito, persino furto di identità.

Sorprendentemente, alcuni genitori non sono a conoscenza della vasta gamma di opzioni di pagamento disponibili per i giochi, opzioni che attenuano i rischi associati alle transazioni con carta di credito e alleviano le difficoltà che i bambini devono affrontare quando ricevono contanti o carte regalo che possono essere riscosse solo nei negozi. 

A differenza dei ragazzi più grandi e degli adulti, i preadolescenti non fanno affidamento su una somma di denaro fissa da mettere da parte ogni mese per i videogiochi. Non sorprende che i genitori siano la principale fonte di finanziamento per il gioco dei preadolescenti, e che i genitori diano i soldi ai loro figli principalmente come regalo (68%) o come ricompensa per un buon comportamento (62%). Tuttavia, c'è anche chi dà ai preadolescenti i soldi per i videogiochi come parte di una regolare paghetta (46%).

Data la natura sporadica della spesa dei preadolescenti per il gioco, i produttori di videogiochi non possono contare su transazioni ricorrenti quando cercano di attirare l'attenzione dei preadolescenti. Detto questo, i genitori preferiscono gli abbonamenti in stile Netflix (67%), seguiti dagli acquisti anticipati dei giochi (64%), in quanto queste opzioni a pagamento sono relativamente tradizionali in termini di contenuti acquistati. Quando si tratta di nuove strategie di monetizzazione, come le loot box e i boost energetici, i genitori sono meno tranquilli.

I bambini dai 7 ai 12 anni spendono di più per i contenuti di gioco che per i giochi veri e propri. Ciò significa che l'industria del gioco deve identificare gli aspetti che mettono a disagio i genitori e impegnarsi per alleviare le loro preoccupazioni, in particolare con l'affermarsi di nuove strategie di monetizzazione.

Il lato positivo per l'industria dei videogiochi, anche se la stampa ha espresso giudizi negativi sulle nuove strategie di monetizzazione come le loot box, è che i genitori hanno generalmente un atteggiamento positivo nei confronti del gioco. I genitori accettano anche le abitudini di gioco dei loro figli, con oltre il 70% che concorda con la maggior parte dei sentimenti positivi relativi al gioco. Ulteriori approfondimenti sulla prossima generazione di videogiocatori sono disponibili nel nuovo rapporto Preteen Gamers di Nielsen SuperData.

Metodologia

Gli approfondimenti contenuti in questo articolo sono stati ricavati dallo studio sui giochi per preadolescenti di Nielsen SuperData, condotto nel settembre 2019. 

  • I dati dei genitori per questo studio sono stati ottenuti attraverso un sondaggio online su 1000 genitori statunitensi condotto dal 22 al 27 agosto 2019. Gli intervistati qualificati avevano almeno un figlio di età compresa tra i 7 e i 12 anni che giocava ai videogiochi almeno una volta alla settimana e dovevano monitorare regolarmente le abitudini di gioco dei propri figli. Gli approfondimenti qualitativi dei giocatori preadolescenti sono stati ottenuti da focus group condotti di persona a New York City dal 4 all'11 settembre 2019. I partecipanti qualificati giocavano ai videogiochi almeno una volta alla settimana: 50 partecipanti avevano 7-9 anni e 50 10-12 anni.

Continua a sfogliare approfondimenti simili

I nostri prodotti possono aiutare voi e la vostra azienda