02_Elementi/Icone/FrecciaSinistra Torna a Insight
Approfondimenti > Prospettive

Le abitudini di visione multischermo sono in rapida crescita nei mercati locali

3 minuti di lettura | Sue Tremblay, SVP, Direttore vendite | Settembre 2022

È la stagione delle primarie in tutti gli Stati Uniti e le conversazioni politiche sono ovunque e su ogni schermo. Stamattina, mentre prendevo un caffè, ho sentito una discussione su chi avesse vinto il dibattito delle primarie di ieri sera. La prima persona aveva seguito il dibattito in diretta a casa, mentre la seconda aveva visto solo gli spezzoni salienti delle notizie del mattino sui social media.

Pensando all'abbondanza di contenuti, di nuove piattaforme e di servizi, ho iniziato a riflettere su come questo particolare esempio metta in evidenza quanto sia cresciuto l'uso del multischermo, in tutte le fasce d'età. L'abbondanza di utilizzo del secondo e terzo schermo è diffusa in tutto il Paese, non solo nelle grandi metropoli come New York, Chicago e San Francisco.

L'area di mercato designata (DMA) di Raleigh, N.C., ad esempio, ha una stima dell'universo televisivo per gli adulti dai 18 anni in su pari a 2,4 milioni, e i suoi residenti sono avidi consumatori di notizie multipiattaforma, soprattutto durante la stagione delle primarie. Per quanto riguarda la portata, una delle principali emittenti televisive del mercato raggiunge 500.000 persone al mese. È importante notare che questa portata è suddivisa tra le varie piattaforme. In altre parole, gli abitanti di Raleigh non si limitano a ricevere le notizie dalla TV del salotto prima di cena.

Sappiamo che le persone sono costantemente connesse ai loro dispositivi per connettersi ai social media, messaggiare con gli amici e sfruttare i canali digitali per le opzioni di intrattenimento che non sono disponibili sui canali lineari. Ma i confini tra lineare e digitale si stanno confondendo. A Raleigh, la metà del pubblico dell'emittente sopra citata guarda i suoi contenuti sia sui canali lineari tradizionali che su quelli digitali (cellulare, computer, tablet). Un po' a sorpresa, solo il 14% degli adulti tra i 55 e i 64 anni guarda solo la TV1.

Forse ancora più degno di nota è il pubblico che utilizza più piattaforme - e l'impatto che questo ha quando si considerano i vantaggi per i marchi e gli inserzionisti. In particolare, il passaggio a schermi multipli aggiunge una spinta significativa quando si considerano i membri del pubblico di età compresa tra i 55 e i 64 anni, una fascia che i marketer, i pianificatori e gli acquirenti di solito escludono dai loro sforzi di targeting. Tuttavia, per questa stazione di Raleigh, l'audience complessiva aumenta del 27% quando la visione su tutte le piattaforme include il pubblico 55-642.

L'impegno tra i demo più anziani è semplicemente un riflesso del cambiamento demografico generale del Paese, che si è verificato negli ultimi dieci anni in tutto il Paese, non solo a Raleigh. Tuttavia, a Raleigh, l'1,5% dell'universo televisivo è passato dal segmento 25-54 a quello 55-643. Se consideriamo l'utilizzo di più dispositivi da parte di questo gruppo di anziani, notiamo che anche questo gruppo di consumatori attivi di notizie sta contribuendo all'ampliamento della portata derivante dal crescente utilizzo di più piattaforme.

È passato un po' di tempo da quando i marketer, i pianificatori, i buyer e i programmatori hanno potuto pensare al pubblico attraverso la lente di un singolo canale o piattaforma, ma è possibile che il pubblico più anziano non sia stato al centro di questa riflessione. La fascia di età compresa tra i 55 e i 64 anni non solo supera in termini di spesa le coorti più ampie, ma sfrutta continuamente piattaforme e dispositivi diversi per rimanere informata e coinvolta negli insight e negli out del ciclo di notizie quotidiane, soprattutto quando si verificano grandi eventi politici.

Note

  1. Nielsen Local Media, Nielsen Local TV View, 22 maggio, RDU DMA
  2. Nielsen Local Media, maggio 2022 Custom Cross-Platform, Deduplicated Reach Across TV & Digital, RDU DMA
  3. Stime dell'universo Nielsen, 2012-2022

Questo articolo è apparso originariamente su Broadcasting+Cable.

Continua a sfogliare approfondimenti simili

I nostri prodotti possono aiutare voi e la vostra azienda