02_Elementi/Icone/FrecciaSinistra Torna a Insight
Approfondimenti > TV e streaming

Con la crescita del genere horror, i metadati moderni possono garantire che i fan trovino ciò che stanno cercando.

5 minuti di lettura | Ottobre 2023

Nessun genere si distingue come l'horror nel periodo che precede Halloween, ma la sua popolarità è cresciuta ben oltre l'arrivo della stagione. Al 10 ottobre 2023, i 43 film horror usciti nelle sale quest'anno avevano già generato più incassi di tutti gli incassi del genere nel 20221. Questa popolarità si estende anche al pubblico televisivo, e non solo nel periodo di Halloween.

Quest'anno, infatti, quattro recenti film horror a grande budget hanno debuttato nella top 10 di Nielsen quando sono stati resi disponibili al pubblico dello streaming.

Dati i grandi budget, i cast di alto profilo e i registi famosi, questi quattro film non hanno mai rischiato di non essere visti dai potenziali spettatori. Questo, tuttavia, non è il caso delle migliaia di altri titoli horror che chiedono a gran voce di essere visti. Il pubblico televisivo ha infatti a disposizione quasi 1,1 milioni2 di titoli horror unici tra cui scegliere, che spaziano in sei diversi sottogeneri. Mentre la maggior parte rientra nella categoria horror generale, più di 189.000 rientrano nella sottocategoria paranormale.

Con una scelta così ampia, unita a una gamma sempre più vasta di luoghi in cui trovare i contenuti, può essere difficile per gli spettatori trovare qualcosa che li interessi. Infatti, il 44% degli intervistati nel sondaggio Nielsen sui consumatori di streaming del giugno 2023 ha dichiarato che è sempre più difficile trovare i contenuti desiderati perché ci sono troppi servizi disponibili. Inoltre, solo il 62% dichiara di sapere cosa vuole guardare quando apre il servizio di streaming. 

Per aiutare il pubblico nel percorso dei contenuti, i motori di raccomandazione e gli elenchi delle top 10 sono diventati standard nei servizi di streaming video on demand (VOD). Ma i caroselli di contenuti promossi presentano in genere una frazione molto piccola dei contenuti di una piattaforma e gli elenchi delle top 10 offrono una prospettiva sui titoli più popolari tra tutti gli utenti piuttosto che sui contenuti che potrebbero piacere a utenti specifici. Alla luce di queste considerazioni, non sorprende che solo il 27% degli intervistati sia d'accordo sul fatto che i suggerimenti dei menu siano utili per trovare qualcosa da guardare. Il 36% degli intervistati ritiene che le immagini siano più importanti: l'immagine in miniatura di un titolo è estremamente/molto importante per decidere cosa guardare.

Poiché i consumatori si aspettano sempre più esperienze personalizzate, i proprietari di contenuti e i servizi di streaming possono sfruttare strumenti come le immagini personalizzate di Gracenote per le miniature e i dati dei canali di streaming per aiutare il pubblico a trovare i contenuti quando non hanno familiarità con i titoli di programmi specifici. Anche i metadati descrittivi, come i Descrittori video, possono colmare le lacune delle informazioni tradizionali sui programmi. 

Le informazioni di base sul programma associato al film Halloween di John Carpenter del 1978, ad esempio, non sono in grado di aiutare una piattaforma o un servizio a suggerire questo film al pubblico in cerca di qualcosa che lo interessi a livello personale. Questo perché le informazioni di base sul programma includono solo dettagli come il titolo, il sommario, il genere, la data di produzione, il cast principale, la durata e il paese di origine.

Ma quando una piattaforma o un servizio sfrutta i 30 singoli Descrittori video di Gracenote attraverso 10 diversi attributi di contenuto associati al film, può facilitare un percorso di contenuti più significativo per gli spettatori. Questi descrittori possono anche essere utili per il targeting contestuale degli annunci.

Oltre ad aiutare il pubblico a trovare i contenuti di suo interesse, i metadati diventeranno sempre più importanti dal punto di vista della concorrenza e della personalizzazione, man mano che i singoli titoli diventeranno disponibili su più servizi. Questa tendenza, sebbene nuova per molte produzioni a grande budget, è molto comune per i progetti a medio e piccolo budget che cercano di ottenere la massima esposizione possibile da parte del pubblico. 

Se si escludono film di grande budget come Nope e Scream VI, la non esclusività nel genere horror è molto comune. E quando un singolo programma è disponibile in più di un luogo, l'onere del coinvolgimento del pubblico è nelle mani dei singoli servizi. Secondo Gracenote Video Data, solo un terzo dei titoli video disponibili negli Stati Uniti sono esclusivi per la TV lineare o per un servizio di abbonamento.

A titolo esemplificativo, prendiamo in considerazione Terrifier 2, un film di successo dello scorso anno. Realizzato con circa 250.000 dollari, il sequel indipendente dello slasher ha ottenuto una tale attenzione da parte dei media per i suoi effetti esagerati che alla fine ha ottenuto un'ampia distribuzione nelle sale e ha incassato 10,6 milioni di dollari solo negli Stati Uniti. Ora, mentre si sta lavorando a un terzo capitolo con un budget a 7 cifre, Terrifier 2 sta facendo il giro di diversi servizi di streaming in vista di Halloween. Mentre alcuni servizi cambiano spesso le loro librerie, la guida allo streaming online JustWatch evidenzia che il pubblico può trovare il film su quattro servizi in abbonamento e due servizi FAST. È inoltre disponibile per il noleggio su nove servizi e per l'acquisto su sette.

Sebbene la varietà di scelta delle piattaforme e delle opzioni di accesso sia fondamentale per il pubblico, servizi come JustWatch non sarebbero in grado di aggregare le opzioni per gli spettatori se non fosse per i metadati granulari e gli ID univoci dei contenuti che facilitano la ricerca dei contenuti su Internet, non solo all'interno delle singole piattaforme.

"Il potere dei metadati non si limita al contenuto o alla piattaforma", afferma Filiz Bahmanpour, vicepresidente del prodotto di Gracenote. "Quando si effettua una ricerca su Internet, diventa uno strumento che esamina metadati più profondi che aiutano a identificare il motivo per cui un pubblico potrebbe voler guardare qualcosa. E con i metadati di oggi, i descrittori coinvolgono anche cose come l'umore, il tema e lo scenario".

Insieme, l'ID universale di Terrifier 2 garantisce che il pubblico possa trovarlo e i 34 descrittori video unici forniscono agli aggregatori di contenuti e ai servizi di streaming la possibilità di fornire percorsi di contenuti più personalizzati per il loro pubblico.

Fonti

  1. I numeri.com
  2. Dati video globali di Gracenote, ottobre 2023

Per ulteriori approfondimenti, scaricate il nostro ultimo Rapporto sullo stato del giocoche si concentra sull'importanza della personalizzazione guidata dai dati e della scoperta dei contenuti in streaming.

Continua a sfogliare approfondimenti simili

I nostri prodotti possono aiutare voi e la vostra azienda