02_Elementi/Icone/FrecciaSinistra Torna a Insight
Approfondimenti > Media

Tendenze radiofoniche di novembre e l'avvicinarsi del jingle delle feste

4 minuti di lettura | Dicembre 2013

Con il Giorno del Ringraziamento ufficialmente nello specchietto retrovisore, nelle prossime cinque settimane le onde radio avranno senza dubbio un suono diverso rispetto al resto dell'anno. Siamo in periodo di vacanze, il che significa che tutte le tradizioni, le abitudini e i cambiamenti nello stile di vita a cui siamo abituati in questo periodo dell'anno saranno rapidamente al centro della scena, compreso ciò che ascoltiamo alla radio.

Quando ogni mese esaminiamo il panorama audio analizzando i dati del nostro portable people meter (PPM), ci rendiamo conto di come la stagionalità influisca su ciò che il pubblico ascolta alla radio. E mentre analizziamo i risultati di novembre, siamo ben consapevoli che le tendenze radiofoniche che precedono il Giorno del Ringraziamento sono in genere molto diverse da quelle che si manifestano non appena sparisce l'ultima bacchetta.

Alla fine di ottobre, abbiamo riportato come i formati spoken word abbiano avuto un grande rimbalzo dopo l'estate e abbiamo notato il continuo successo di Urban Contemporary e Hot Adult Contemporary (Hot AC) nel 2013. Molti di questi trend sono stati riscontrati nei dati di novembre, ma abbiamo anche riscontrato alcuni cambiamenti significativi nella composizione dell'audience della Country e della Pop Contemporary Hit Radio (CHR) rispetto a quanto visto nel novembre 2012. Detto questo, però, tutto sta per cambiare perché l'impatto del Natale è dietro l'angolo.

Di seguito sono riportati alcuni punti salienti dei dati Nielsen sul PPM di novembre in 45 mercati* utilizzando la fascia oraria dell'intera settimana (lun-dom dalle 6.00 alle 24.00) e le quote d'ascolto per le categorie demografiche 6+, 18-34 e 25-54.

  • Il movimento giovanile del country: Il 2013 è stato l'anno più importante di sempre per il formato musicale Country. Da tempo sta stabilendo record sia a livello nazionale che nei mercati PPM per quanto riguarda le quote di ascolto, e durante l'estate ha raggiunto nuovi massimi crescendo a due cifre in pochi mesi. Gran parte di questa crescita proviene da alcuni degli ascoltatori più giovani della radio: da diversi anni, infatti, il country aumenta costantemente le quote di ascolto tra i giovani di età compresa tra i 18 e i 24 anni e tra i 25 e i 34 anni. Ora si cominciano a vedere gli effetti a lungo termine di questa tendenza. Osservando gli ascolti di novembre degli ultimi due anni, vediamo che il Country tra i 18 e i 34 anni è cresciuto del 25% dal 2011 (dal 7,5 al 9,4 di oggi). Inoltre, quest'anno è stato il formato numero 2 negli Stati Uniti ogni mese, dietro solo a Pop CHR.
  • Il Pop CHR matura: Mentre Pop CHR domina la classifica 18-34 come destinazione numero 1 per il pubblico a livello nazionale, la maggior parte della crescita di questo format proviene dalla fascia di età 25-54, l'opposto di quello che stiamo vedendo con Country. Negli ultimi due anni di ascolti di novembre, lo share di Pop CHR tra i 18 e i 34 anni è cresciuto del 2% (da 12,2 a 12,5), mentre lo share tra i 25 e i 54 anni è aumentato di quasi il 10% (da 8,0 a 8,7). Dall'inizio del 2012, quando Pop CHR ha superato Adult Contemporary per il primo posto, è stato silenziosamente e costantemente il formato numero 1 per gli adulti 25-54 nei mercati PPM in tutti i mesi diversi da quelli in cui va in onda la musica natalizia.
  • Arriva la musica di Natale: Se non è già in onda nel vostro mercato, il formato "All Christmas" debutterà molto presto. Ogni anno osserviamo i picchi di share delle principali emittenti natalizie in ogni mercato e forse avrete notato che AC (il formato di gran lunga più popolare per passare alla programmazione natalizia in questo periodo dell'anno) ha già guadagnato un po' di terreno a novembre, passando da uno share del 7,3 al 7,5 con tutti gli ascoltatori dai 6 anni in su. Ma questo non è nulla se paragonato a quello che sarà l'andamento degli ascolti di dicembre e delle festività. Ecco un'analisi dei cambiamenti complessivi (6+) avvenuti tra novembre e dicembre dello scorso anno, quando la musica natalizia era in pieno svolgimento. Si può notare che la corrente alternata è aumentata drasticamente, il country e la corrente calda sono stati i più colpiti dai cambiamenti nei modelli di ascolto, mentre i formati urbani e spagnoli sono rimasti fermi.

Come la musica natalizia influisce sui principali formati musicali

Formato Variazione della quota di pubblico da novembre alle vacanze 2012
Contemporaneo per adulti 76%
Ritmica CHR Piatto
Regionale messicana Piatto
AC urbano Piatto
I successi classici -4%
Pop CHR -4%
CA calda -6%
Paese -13%
Fonte: Nielsen

Novembre 2013 Mercati PPM Top 5 Formati per quota media di un quarto d'ora (giorno della settimana intera)

Persone 6+ Adulti 18-34 Adulti 25-54
Notizie/Talk (9,4%) Pop CHR (12,5%) Pop CHR (8,7%)
Pop CHR (8,1%) Paese (9,4%) Paese (7,6%)
Paese (7,9%) CHR ritmico (6,9%) AC (7,3%)
AC (7,5%) AC (6,4%) Notizie/Talk (6,7%)
Caldo AC (5,6%) Caldo AC (6,3%) CA calda (6,1%)
Fonte: Nielsen

Nota

*La Nielsen Audio ha ufficialmente 48 mercati PPM, ma tre di essi (Nassau-Suffolk, Middlesex-Somerset-Union e San Jose) sono inclusi nelle aree metropolitane di New York e San Francisco. Pertanto, le statistiche di ascolto di questi mercati sono incluse nel nostro studio anche se non li abbiamo suddivisi separatamente.

Tag correlati:

Continua a sfogliare approfondimenti simili