Passa al contenuto
02_Elementi/Icone/FrecciaSinistra Torna a Insight
Approfondimenti > Media

Connettersi con gli ambasciatori sociali del marchio

2 minuti di lettura | Luglio 2014

Oggi, quando in TV si verificano momenti importanti, gli spettatori si rivolgono a telefoni, tablet e computer per condividere istantaneamente le loro reazioni attraverso i social media, e lo fanno spesso. Nei primi quattro mesi del 2014, 17 milioni di persone hanno inviato 361 milioni di tweet sulla TV. Ma i tweet sulla TV sono solo una parte della storia della social TV. L'altra metà è costituita dai tweet sui marchi che fanno pubblicità in TV. Nello stesso periodo di quattro mesi, 17 milioni di persone hanno inviato 215 milioni di tweet sui circa 700 marchi rilevati da Nielsen Social.

In un recente studio, Nielsen Social ha analizzato la sovrapposizione tra queste due popolazioni - persone che twittano sulla TV e persone che twittano sui marchi - per capire il valore del pubblico della social TV per i marchi. Lo studio ha prodotto quattro importanti informazioni:

In primo luogo, la popolazione di ambasciatori sociali del marchio - persone che twittano sulla TV e sui marchi - è numerosa. Lo studio ha rilevato che in un mese medio, il 64% delle persone che twittano sui brand twittano anche sulla TV. Quindi, se un brand vuole coinvolgere persone che probabilmente condivideranno il messaggio del suo marchio, il collegamento con gli autori di social TV è un buon punto di partenza.

In secondo luogo, lo studio ha rilevato che le persone che twittano sia sui marchi che sulla TV rappresentano una porzione maggiore di tutti i tweet sui marchi. Il 64% delle persone che hanno twittato su marchi e TV ha inviato il 78% di tutti i tweet sui marchi.

In terzo luogo, lo studio ha rilevato che le persone che hanno pubblicato tweet su TV e marchi hanno inviato un numero di tweet sul marchio tre volte superiore a quello degli autori di Twitter che hanno pubblicato solo tweet sui marchi. 

Infine, lo studio ha rilevato che le persone che twittano su marchi e TV hanno il doppio dei follower rispetto a quelle che twittano solo sui marchi. In altre parole, gli autori televisivi sono due volte più influenti degli autori di marchi che non twittano sulla TV. Per ogni Tweet su un marchio inviato, amplificano i messaggi al doppio dei follower. 

Non sorprende che, alla luce di questi risultati, gli inserzionisti e le agenzie stiano prendendo nota della social TV e stiano inserendo una lente sociale negli ascolti televisivi per affinare le decisioni di pianificazione e acquisto dei media. Inoltre, stanno valutando l'affinità della social TV per trovare il pubblico televisivo più adatto al loro marchio o alla loro categoria. Infine, gli inserzionisti utilizzano la misurazione della social TV per capire l'efficacia delle campagne: per scoprire in quali programmi, su quali reti e con quali creatività le campagne ottengono i migliori risultati a livello sociale.

In occasione del Nielsen Consumer 360 di quest'anno, Deirdre Bannon, vicepresidente, Product di Nielsen Social, ha guidato un gruppo di esperti, tra cui Roni Karassik, senior campaign research manager di Microsoft, Jed Meyer, global research director di Annalect, e Berj Kazanjian, senior vice president, Ad Sales Research di MTV, per parlare di questa potente sezione trasversale di ambasciatori del marchio socialmente attivi che twittano sia sui marchi che sulla TV.