02_Elementi/Icone/FrecciaSinistra Torna a Insight
Approfondimenti > Digitale e tecnologia

I responsabili del marketing mobile possono ottenere i loro clic generazionali con tattiche di coinvolgimento diversificate

3 minuti di lettura | Agosto 2016

Quando si tratta di annunci pubblicitari per dispositivi mobili sullo smartphone, gli operatori del marketing hanno a disposizione una serie di opzioni da utilizzare per motivare i consumatori a compiere un'azione (come acquistare un prodotto o un servizio, visitare un luogo, ecc.) Ogni opzione è unica come il singolo consumatore, e ognuna di esse offre agli operatori del marketing una pletora di opportunità di coinvolgimento.

Con tutto ciò che è mobile, gli inserzionisti stanno ancora cercando di capire le loro tattiche di coinvolgimento. Nel momento in cui cercano di raggiungere le persone a livelli più personali, sperano, nella migliore delle ipotesi, che i loro annunci creino un innesco emotivo sufficiente a incoraggiare un clic e a terminare con un acquisto. Come minimo, sperano che gli utenti facciano clic su un annuncio e ne prendano nota, fornendo ai consumatori gli incentivi necessari per l'acquisto.

Per raggiungere le persone in modo personale, è fondamentale che i marketer analizzino i comportamenti e gli interessi per generazione. Come si comportano le diverse generazioni con gli annunci pubblicitari per dispositivi mobili e quali sono le maggiori motivazioni per il coinvolgimento?

Secondo il Connected Device Report di Nielsen del secondo trimestre 2016, il 19% dei Millennial, il 17% della Generazione X e il 14% dei Baby Boomers hanno dichiarato che la visualizzazione di un annuncio con un coupon o una promozione è la motivazione principale quando si tratta di pubblicità mobile su smartphone. In confronto, la Generazione Z e la Greatest Generation sono più motivate da un annuncio mirato a ciò che stanno cercando: l'intento e la pertinenza sono fondamentali.

È interessante notare che la motivazione maggiore per la Generazione Z cambia quando visualizzano gli annunci pubblicitari sui tablet: In particolare, hanno il 16% di probabilità in più di impegnarsi con un annuncio di un marchio familiare - una chiave per i marketer che trovano questo gruppo potente nell'ecosistema connesso di oggi. Il 14% è motivato da un annuncio con un coupon o una promozione: un vantaggio per i marchi che possono raggiungere questo gruppo essendo uno dei loro marchi preferiti e offrendo uno sconto.

Sebbene si possa pensare che le persone di tutte le generazioni non amino la pubblicità mobile, il contrario si dimostra vero per la Generazione Z e i Millennial. Il 42% della Generazione Z e il 44% dei Millennial che utilizzano uno smartphone non hanno problemi con la pubblicità, se il contenuto con cui si confrontano è gratuito e se gli annunci non influiscono sul consumo di dati mobili. Altrettanto importante è notare che il 32% della Generazione Z e dei Millennial è più propenso a cliccare su un annuncio che non li porti fuori dall'applicazione o li reindirizzi a un altro sito web; la convenienza del tema di fondo.

Che sia un segno dei tempi e di come le generazioni interagiscano in modo diverso con i dispositivi mobili, gli utenti di smartphone più giovani sono più disposti a cedere alcuni dei loro dati personali in cambio di contenuti gratuiti o a prezzo ridotto rispetto ai consumatori più anziani. Infatti, il 55% della Generazione Z e il 48% dei Millennial sono disposti ad agire su un annuncio pubblicitario se viene loro offerto il giusto mix di branding, convenienza e offerta promozionale. Mentre la Generazione X, i Baby Boomers e la Greatest Generation tendono a essere più scettici nel rilasciare i propri dati personali, affare o non affare.

Il risultato per gli inserzionisti di telefonia mobile? Gli annunci su dispositivi mobili possono essere un buon modo per raggiungere i consumatori, soprattutto se accompagnati da offerte e promozioni. Per quanto riguarda il coinvolgimento delle persone al di là del divario generazionale, è necessario renderlo personale, pertinente e con uno sconto per una buona misura.

METODOLOGIA

I dati del Mobile Connected Device Report di Nielsen sono stati raccolti da un campione generale di popolazione con più di 13 anni e da 8.444 intervistati che possiedono un tablet, uno smartphone o un dispositivo compatibile con lo streaming. Tutti i numeri riflettono i dati autodichiarati. Il Connected Device Report è stato condotto online in inglese.

Continua a sfogliare approfondimenti simili