02_Elementi/Icone/FrecciaSinistra Torna a Insight
Approfondimenti > Media

Allargare la finestra: Come le opportunità aggiuntive offrono una visione di un pubblico più vasto

3 minuti di lettura | Luglio 2016

L'ascesa delle piattaforme mediatiche digitali ha offerto ai consumatori un'ampia gamma di opzioni non solo per la fruizione dei contenuti, ma anche per il loro orario. Gli ascolti live+7 di Nielsen sono stati lo standard con cui l'universo dei media guarda all'audience totale, ma la televisione in diretta e la visione spostata di sette giorni sono solo pezzi della proverbiale torta mediatica. I clienti non hanno mai avuto a disposizione un servizio sindacato per esaminare la distribuzione su tutte le piattaforme oltre la prima settimana di visione e vedere l'intera torta... fino ad ora.

Il Total Content Ratings di Nielsen consente di monitorare le visualizzazioni oltre la finestra di una settimana e mostra le dimensioni e la natura del pubblico più ampio disponibile attraverso la televisione e non solo. Non solo i network, i marketer e gli inserzionisti potranno vedere come si presenta il vero pubblico dei loro contenuti, ma saranno anche in grado di comprendere meglio i comportamenti del mondo digitale che li circonda.

Sul palco del Consumer 360 2016 di Nielsen, Glenn Enoch, SVP, Audience Insights, Nielsen, ha spiegato come gli ascolti estesi nel tempo potrebbero rivelarsi una risorsa vitale per capire come gli spettatori guardano certi programmi, specialmente quelli di generi che traggono grande beneficio dalla visione al di fuori dei sette giorni.

"Non tutti i programmi ottengono la stessa spinta dopo sette giorni e i programmi che ottengono una spinta maggiore sono dovuti al contributo del VOD", ha detto Enoch. "Il contributo del VOD continua per sempre, mentre la visione del DVR tende a diminuire nel tempo".

In un recente studio sul modo in cui l'audience si sviluppa nel tempo, Nielsen ha scoperto che, mentre praticamente tutti gli ascolti dei programmi hanno beneficiato di una visione prolungata, il genere ha avuto un effetto diretto sull'aumento dell'audience. I programmi che non avevano contenuti sensibili al tempo, cioè quelli che potevano essere fruiti molto tempo dopo la data di trasmissione originale, hanno ottenuto il maggior incremento. Tra questi vi sono le commedie animate, le sitcom e le fiction a episodi. Una particolare commedia animata dello studio ha registrato un aumento del 58% dei telespettatori tra i 18 e i 49 anni dall'ottavo al 118° giorno.

D'altra parte, la programmazione di reality, che di solito incorpora un aspetto in tempo reale nello show, crea un senso di urgenza tra gli spettatori che vogliono guardare lo svolgersi degli eventi. Di conseguenza, più della metà degli ascolti totali avviene durante la messa in onda in diretta di questo tipo di programmi. La maggior parte degli ascolti di questo genere avviene in diretta o entro sette giorni, mentre solo il 4%-5% degli ascolti avviene dopo una settimana.

Il rilascio di Total Content Ratings non si limita a rendere più ampie le finestre di visualizzazione, ma crea più finestre su altre piattaforme. In un panorama mediatico frammentato, l'aggiunta delle visualizzazioni digitali alle valutazioni crea un quadro più completo dell'audience totale.

Se si considera l'audience su un periodo di sei settimane, il pubblico digitale è quello che è cresciuto di più e ha registrato un aumento del 135% tra la prima e la sesta settimana tra gli spettatori 18-49.

La misurazione della visione digitale consente anche di capire che gli spettatori "si aggiornano", dimostrando che un episodio ha ancora un certo peso nonostante sia vecchio.

Questo dato rivela che il pubblico di un programma cambia con il passare delle settimane. In un caso, il primo episodio di uno show era ancora visibile dopo cinque settimane, con il 60% degli ascolti provenienti da DVR e il 40% da visione digitale totale. (Durante la prima settimana, il 70% degli ascolti proveniva da DVR, mentre il 3% proveniva dalla visione digitale totale).

"Il Total Content Ratings fornisce maggiori informazioni rispetto al semplice volume di visione nel tempo o su altre piattaforme", ha dichiarato Enoch. "Sappiamo che gli spettatori on-demand trascorrono più tempo con i contenuti e che gli spettatori on-demand sono più giovani di quelli che guardano dal vivo".

Continua a sfogliare approfondimenti simili

I nostri prodotti possono aiutare voi e la vostra azienda