Passa al contenuto
Approfondimenti > Digitale e tecnologia

Il database: Implementare il pensiero agile nel mercato dei beni di largo consumo

2 minuti di lettura | Ottobre 2018

Episodio 16

 

L'attuale panorama dei beni di largo consumo è dinamico e sempre più complesso da gestire. Gran parte di questa complessità è il risultato dell'evoluzione della tecnologia, della sua implementazione e del suo accesso. La tecnologia è diventata la migliore amica di ogni consumatore e molte aziende, spesso di piccole dimensioni, la stanno utilizzando a proprio vantaggio.

Ma rimanere agili e adattivi - in grado di cambiare rapidamente per adattarsi alle esigenze dei consumatori - non è facile, soprattutto per i grandi marchi multinazionali con una scala enorme e un'impronta globale. In molti casi, inoltre, le pressioni esercitate dal mercato odierno inducono le aziende a tagliare gli angoli nel tentativo di innovare più rapidamente.

Infatti, la nostra indagine sullo stato dell'innovazione dello scorso anno ha rilevato che il 77% dei professionisti statunitensi del settore dei beni di largo consumo dedica meno tempo di quanto dovrebbe ad almeno tre fasi del processo di innovazione, semplicemente perché il time-to-market, soprattutto per le grandi aziende, è stato così critico come lo è oggi.

Cosa deve fare quindi un marchio se vuole rimanere competitivo, innovare e offrire ciò che i consumatori cercano?

In questa puntata analizziamo il processo di innovazione, per capire se i processi agili possono funzionare nel mercato dei beni di largo consumo. Discuteremo dell'importanza di comprendere i problemi prima di sviluppare le relative soluzioni e di come non sempre i prodotti che arrivano per primi sul mercato superano la prova del tempo.

I nostri ospiti in questo episodio sono Jenny Frazier, SVP, Innovation di Nielsen, e Chris Fosdick, Partner di Cambridge Group.

Cercate altri episodi? Abbonatevi a The Database su SoundCloud, iTunes, Google Play o Stitcher.