02_Elementi/Icone/FrecciaSinistra Torna a Insight
Approfondimenti > TV e streaming

Il clima più freddo e i playoff della NFL fanno aumentare l'uso della TV a gennaio

6 minuti di lettura | Febbraio 2024

Il 13 gennaio 2024 il pubblico trasmetterà in streaming la cifra record di 40,8 miliardi di minuti di visione.

Il freddo, unito all'eccitazione dei playoff della NFL, ha contribuito a incrementare gli ascolti televisivi totali del 3,7% a gennaio. Sebbene sia storicamente caratteristico per il mese, l'aumento è stato forse più degno di nota perché ha superato dell'1,4% il livello dell'anno scorso, unperiodo di riferimento più lungo e in cui non c'era scarsità di nuova programmazione. Infatti, il mese di gennaio 2024 comprende tre dei 10 giorni con il maggior numero di spettatori televisivi da quando Nielsen ha iniziato a produrre The Gauge nel maggio 2021.

Mentre il football è sempre un fattore determinante per gli ascolti televisivi, il clima più freddo del solito ha giocato un ruolo importante negli ascolti televisivi in mercati che non sono così freschi come la stagione, come Tulsa e Portland, dove gli ascolti televisivi sono aumentati rispettivamente del 10% e del 7%. A Tampa, le temperature più fresche e la corsa ai playoff dei Buccaneers hanno contribuito ad aumentare gli ascolti televisivi del 14% rispetto all'anno precedente.

La potenza dei playoff della NFL si è estesa anche al panorama dello streaming: la partita di Wildcard tra i Miami Dolphins e i Kansas City Chiefs su Peacock ha generato quasi 3,9 miliardi di minuti di visione (compresa la visione locale a Kansas City e Miami) e ha contribuito a far sì che il 13 gennaio 2024 si aggiudicasse la corona del più grande volume giornaliero di streaming mai registrato. In totale, il mese di gennaio 2024 comprende nove dei 10 giorni con il più alto volume di streaming mai registrato da Nielsen, con il Capodanno 2023 (che è stato registrato nell'intervallo di dicembre) che si è intrufolato al nono posto.

Oltre al clima più freddo, gennaio ha visto l'inizio di una nuova programmazione drammatica, che ha rappresentato un aumento del 20% degli ascolti sulle reti broadcast. La serie Chicago della NBC(Chicago Fire, Chicago Med, Chicago P.D.) ha fatto da apripista, rappresentando alcuni dei primi contenuti sceneggiati "nuovi" della stagione televisiva. Insieme a un aumento del 36% degli ascolti sportivi, il broadcast è riuscito a incrementare la propria quota televisiva di 0,7 punti di share, chiudendo il mese al 24,2% della TV. Con l'arrivo di nuovi programmi ancora piuttosto limitati, tuttavia, gli ascolti broadcast sono diminuiti del 20% rispetto a un anno fa.

La visione via cavo è aumentata del 2,7% a gennaio, ma l'aumento della fruizione televisiva totale ha comportato una perdita di 0,3 punti di share, attestandosi al 27,9% della televisione. La stagionalità ha giocato un ruolo importante, in quanto gli spettatori si sono allontanati dai film a tema natalizio, il che ha portato a un calo di oltre il 19% nella visione dei lungometraggi. In confronto, la visione delle notizie è aumentata, rappresentando il 19% dell'utilizzo complessivo della TV via cavo, con l'Iowa Town Hall su Fox News Channel che è diventato l'unico programma non sportivo ad entrare nella top 10 delle trasmissioni via cavo (escluse le telecronache sportive). Sebbene la programmazione sportiva sia stata meno diffusa via cavo, le partite di calcio hanno dominato i programmi più seguiti, compresa la partita dei College Football Playoff tra Michigan e Alabama il giorno di Capodanno, che ha conquistato il primo posto con 26,1 milioni di spettatori.

Come il broadcast, anche lo streaming ha beneficiato del ritorno di nuovi programmi sceneggiati, con Fool Me Once su Netflix in cima alla lista dei programmi più visti con 6,5 miliardi di minuti - la prima volta che un originale ha raggiunto la vetta della classifica dello streaming da quando Queen Charlotte - A Bridgerton Story l'ha fatto nel maggio 2023. Bluey, su Disney+, e Reacher, su Amazon Prime Video, si sono piazzati subito dopo, rispettivamente con 5,5 miliardi di minuti e 4,3 miliardi di minuti. In totale, l'utilizzo dello streaming è aumentato del 4,1% a gennaio.

A livello di piattaforma, YouTube ha segnato il 12° mese consecutivo come primo servizio di streaming. Peacock ha registrato un'impennata del 29% nell'utilizzo, trainata dalla copertura dei playoff della NFL, raggiungendo una quota record dell'1,6% della TV. Netflix ha guadagnato 0,2 punti di share per chiudere il mese al 7,9% della TV, il massimo dall'agosto 2023, e l'aumento del 10% nell'utilizzo del canale Roku ha riportato la sua quota all'1,1% della TV totale.

Febbraio, oltre a includere gli spettatori del Super Bowl, segnerà l'inizio formale di una stagione televisiva abbreviata, che potrebbe compensare alcuni dei cali di audience che di solito seguono la fine della stagione NFL. Con la primavera non ancora alle porte, il continuo arrivo di nuovi contenuti sui canali tradizionali e in streaming terrà probabilmente impegnato il pubblico fino all'arrivo del caldo.

 

Il Gauge fornisce una macroanalisi mensile dei comportamenti di visione del pubblico attraverso le principali piattaforme di trasmissione televisiva, tra cui broadcast, streaming, cavo e altre fonti. Include anche una ripartizione dei principali distributori di streaming. Il grafico rappresenta la fruizione televisiva totale mensile, suddivisa in quote di visione per categoria e per singoli distributori di streaming.

Metodologia e domande frequenti

Come viene creato "The Gauge"?

I dati di The Gauge provengono da due panel ponderati separatamente e vengono combinati per creare il grafico. I dati di Nielsen sullo streaming derivano da un sottoinsieme di famiglie televisive abilitate allo Streaming Meter all'interno del panel televisivo nazionale. Le fonti televisive lineari (broadcast e via cavo) e l'utilizzo totale si basano sulle visualizzazioni del panel televisivo complessivo di Nielsen.

Tutti i dati sono basati sul periodo di tempo per ciascuna fonte di visione. I dati, che rappresentano un mese di trasmissione, si basano sulle visualizzazioni Live+7 per l'intervallo di riferimento (nota: Live+7 comprende la visione della televisione in diretta e la visione fino a sette giorni dopo per i contenuti lineari).

Cosa si intende per "altro"?

Nell'ambito di The Gauge, la voce "altro" comprende tutti gli altri usi televisivi che non rientrano nelle categorie broadcast, cable o streaming. Questo include principalmente tutte le altre sintonizzazioni (fonti non misurate), il video on demand (VOD) non misurato, lo streaming audio, il gioco e l'uso di altri dispositivi (riproduzione di DVD).

A partire dall'intervallo di maggio 2023, Nielsen ha iniziato a utilizzare gli Streaming Content Ratings per identificare i contenuti originali distribuiti dalle piattaforme segnalate in quel servizio per riclassificare i contenuti visti tramite set top box via cavo. Questa visione sarà accreditata allo streaming e alla piattaforma di streaming che l'ha distribuita. Verrà inoltre rimossa dalla categoria "altro", in cui era stata precedentemente inserita. I contenuti non identificati come originali all'interno delle classificazioni dei contenuti in streaming e visti attraverso un decoder via cavo saranno ancora inclusi nella categoria altro.

Cosa è incluso in "altri streaming"?

Le piattaforme di streaming elencate come "altro streaming" comprendono qualsiasi streaming video ad alta larghezza di banda sulla televisione che non è suddiviso individualmente. Le applicazioni progettate per la trasmissione in diretta e la programmazione via cavo (lineare) (applicazioni vMVPD o MVPD come Sling TV o Charter/Spectrum) sono escluse da "altro streaming".

Dove contribuisce lo streaming lineare?

Lo streaming lineare (come definito dall'aggregazione delle visualizzazioni alle app vMVPD/MVPD) è escluso dalla categoria dello streaming, in quanto i contenuti broadcast e via cavo visti attraverso queste app sono accreditati alla rispettiva categoria. Questa modifica metodologica è stata implementata con l'intervallo di febbraio 2023.

E lo streaming live su Hulu e YouTube?

Lo streaming lineare tramite app vMVPD (ad esempio, Hulu Live, YouTube TV) è escluso dalla categoria dello streaming. Hulu SVOD" e "YouTube Main" all'interno della categoria streaming si riferiscono all'utilizzo delle piattaforme senza l'inclusione dello streaming lineare.

Continua a sfogliare approfondimenti simili

I nostri prodotti possono aiutare voi e la vostra azienda