02_Elementi/Icone/FrecciaSinistra Torna a Insight
Approfondimenti > Media

I bravi ragazzi possono arrivare primi: Lezioni su come distinguersi in un paesaggio mediatico rumoroso

3 minuti di lettura | Giugno 2013

È allettante essere cattivi, ma ne vale la pena per la vostra reputazione?

"Ne vedo abbastanza: deve funzionare", ha dichiarato Susan Credle, chief creative officer di Leo Burnett, a proposito del trend della "cattiva pubblicità" che attira l'attenzione.

"Penso che funzioni sul momento. Si tratta di un pensiero a breve termine, rispetto alla pazienza di avere un obiettivo a lungo termine", ha detto Credle mercoledì alla conferenza Consumer 360 di Nielsen a Phoenix.

Sebbene sia comprensibile che alcuni marketer tentino di fare quasi tutto per attirare l'attenzione di un mercato sempre più frammentato e complesso, Credle ha affermato che non si tratta di un approccio intelligente.

Quindi, cosa deve fare un marketer?

Nel corso di una tavola rotonda su come i marchi possono distinguersi in un ambiente mediatico caotico, Credle ha illustrato le soluzioni con Susan Lyne, CEO di AOL Brand Group, Deanie Elsner, chief marketing officer di Kraft Foods Group e Pat Mitchell, CEO del Paley Center for Media.

Il gruppo di luminari del marketing e dei contenuti ha offerto alcuni insegnamenti difficili da ottenere:

Portate le vostre esperienze personali sul lavoro

Poiché la maggior parte della spesa a livello globale è controllata dalle donne, Elsner sa che è giunto il momento di capitalizzare le esigenze delle donne impegnate di tutto il mondo.

E porta la sua esperienza di mamma lavoratrice nel lavoro: Quando le è stato chiesto quali contenuti legge al mattino, Elsner ha scherzato dicendo che a volte si tratta solo del calendario della mensa, per vedere se è il suo giorno per preparare il pranzo per sua figlia.

Nel mondo della pubblicità, Credle ha detto che lavorare in quello che era considerato il "club dei maschi" di Madison Avenue è diventato un vantaggio per lei.

"Credo che il motivo per cui mi sono trovata bene lì sia perché ero diversa", ha detto. "Quindi non ero superflua. E la mancanza di ridondanza mi ha fatto risaltare".

Lasciate che il vostro marchio diventi un curatore

"Non c'è nessuno in questa stanza che a volte non si senta sopraffatto dalla cacofonia di contenuti che ci sono in giro", ha detto Lyne. "Ma i marchi possono aiutare a identificare le cose a cui si è veramente interessati".

Credle ha citato Red Bull come esempio di un marchio che ha avuto successo nella cura e nella pubblicazione di contenuti.

"I marchi dovranno intervenire ed essere vivaci in questo nuovo spazio, e credo che questo sarà l'elemento vincente", ha affermato.

I team eterogenei creano tensioni costruttive

Il lavoro di squadra è fondamentale per il successo e i relatori del panel hanno fornito spunti interessanti su come far crescere le grandi idee.

"Alcune delle migliori idee sono venute dai membri più giovani del team e dai colleghi interfunzionali", ha detto Elsner di Kraft. "Un team eterogeneo porterà a tensioni costruttive. La chiave è trovare la domanda giusta e si otterrà la risposta giusta".

È importante anche definire la diversità, ha detto Credle: "Credo che per diversità non si debba guardare solo alle donne, ma anche all'età, ai fattori socioeconomici, al luogo in cui si è andati a scuola, alla geografia e così via".

Ricordare i legami emotivi che le persone hanno con i marchi

"Il prodotto è la fede nuziale di una relazione con un marchio. I pezzi di creatività devono sommarsi a qualcosa di più grande, quindi non concentratevi su un solo pezzo di una campagna e sulle metriche che lo circondano. Trattate la ricerca in modo corretto", ha detto Credle.

"Molte volte vogliamo essere razionali su ciò che un prodotto fa per noi, rispetto a ciò che può fare per noi in modo emotivo".

I giovani consumatori si aspettano di partecipare al marchio

"Questa nuova generazione vuole partecipare al posizionamento e al messaggio del marchio", ha detto Lyne. "Non vogliono che i messaggi di marketing arrivino a loro".

Elsner ha aggiunto: "Se un marketer conosce molto bene il proprio marchio, può lasciare che i consumatori ci giochino un po', facendolo proprio. Si possono commettere errori, ma bisogna continuare a rinfrescare il marchio".

Ma tutti i relatori hanno concordato sul fatto che, in questo panorama mediatico in continua evoluzione, il cielo è il limite per le aziende che riescono a tagliare il rumore per entrare in forte contatto con il pubblico.

Per ulteriori informazioni sul consumatore, fare clic qui.

Tag correlati:

Continua a sfogliare approfondimenti simili