Passa al contenuto
Approfondimenti > Sport e giochi

Luci, telecamera, azione! Lo stato dello spettatore cinematografico LGBT

3 minuti di lettura | Gennaio 2014

Dai film imperdibili all'acquisto dei popcorn, le preferenze delle persone al cinema variano a seconda della persona con cui si parla - e questo include coloro che si identificano come parte della comunità lesbica, gay, bisessuale e transgender (LGBT). Secondo il rapporto "State of the LGBT Moviegoer" di Nielsen, le preferenze di questo gruppo per quanto riguarda i generi cinematografici e le esperienze di visione differiscono da quelle delle loro controparti eterosessuali.

In generale, gli spettatori LGBT non sono molto diversi dagli altri spettatori. Vedono circa lo stesso numero di film delle loro controparti eterosessuali, circa 6,8 all'anno. Tuttavia, gli studios e le sale cinematografiche possono incrementare le vendite al botteghino identificando le diverse preferenze cinematografiche di questo gruppo e adattando le loro promozioni e offerte alle esigenze di intrattenimento degli spettatori LGBT.

All'interno del teatro

Gli spettatori LGBT sono più propensi, rispetto alle loro controparti eterosessuali, ad apprezzare film appartenenti a categorie di nicchia. Quando è stato chiesto loro di identificare i loro generi preferiti, hanno avuto il 27% di probabilità in più di selezionare l'horror e il 17% in più di selezionare la fantascienza. Nel frattempo, è meno probabile che preferiscano due dei generi più ampi del mercato: Azione/Avventura e Commedia.

E a loro piace ciò che conoscono: Gli spettatori LGBT sono più propensi a rivedere i loro film preferiti. Tre intervistati su 10 hanno dichiarato di aver visto un film di nuova uscita nelle sale cinematografiche più di una volta nel corso dell'ultimo anno, con una probabilità del 22% superiore rispetto agli spettatori eterosessuali. Inoltre, hanno anche il 9% in più di probabilità di acquistare il DVD, il Blu-ray o il download digitale di un film che hanno visto al cinema.

Fuori dal teatro

Gran parte delle esperienze cinematografiche LGBT si sviluppano in digitale. Il gruppo ha l'11% di probabilità in più rispetto agli spettatori eterosessuali di essere venuto a conoscenza di un nuovo film tramite Internet, sia con un computer che con un dispositivo mobile. Inoltre, gli spettatori LGBT hanno il 21% di probabilità in più di acquistare i biglietti online.

Il potere e il potenziale delle raccomandazioni del passaparola e del buzz sui social media per i film è maggiore anche per il pubblico LGBT. Gli spettatori di questo gruppo non si limitano a trovare orari, luoghi e trailer dei film online, ma inviano anche messaggi agli amici e postano commenti sui social media poco dopo essere usciti dalle sale. Infatti, il 49% di tutti gli spettatori LGBT ha dichiarato di aver inviato messaggi, twittato o postato commenti sul film il giorno stesso in cui lo ha visto (rispetto al 34% degli spettatori eterosessuali).

Gli studios dovrebbero tenere conto di queste tendenze, soprattutto quando promuovono e pubblicizzano i loro titoli che potrebbero avere un vasto pubblico LGBT. I cinema possono soddisfare le esigenze dei loro spettatori LGBT e assicurarsi un maggior numero di vendite al botteghino assicurandosi che le loro informazioni e i loro biglietti siano prontamente disponibili online e accessibili tramite smartphone, sia attraverso un sito web in formato mobile che un'applicazione per smartphone. Questo aspetto è particolarmente importante per i teatri situati in aree con una popolazione LGBT significativa.

Attività mobile degli spettatori LGBT

La preferenza degli spettatori LGBT per gli smartphone - hanno l'11% di probabilità in più di possedere un dispositivo di questo tipo - gioca un ruolo importante nel modo in cui interagiscono con i film online. Il 41% delle persone LGBT che hanno dichiarato di aver utilizzato Internet per informarsi sui film ha usato un telefono cellulare, rispetto al 31% degli spettatori eterosessuali che si sono informati sui film online.