02_Elementi/Icone/FrecciaSinistra Torna a Insight
Approfondimenti > Sport e giochi

Da avere e tenere, letteralmente, o solo da guardare in digitale? L'evoluzione dell'intrattenimento domestico

4 minuti di lettura | Agosto 2015

Non c'è dubbio che l'era digitale sia ormai alle porte. Oggi l'americano medio possiede quattro dispositivi digitali e utilizza sempre più spesso questi strumenti e piattaforme per intrattenersi. Ma il pubblico è passato completamente al digitale quando guarda i contenuti televisivi e cinematografici?

Con il 73% degli americani dai 12 anni in su che consumano attivamente film e programmi televisivi per la visione domestica, è importante capire le abitudini di un volume così elevato di consumatori. Un nuovo rapporto di Nielsen, l'Home Entertainment Consumer Trends, ha rilevato che, mentre il tipo di contenuti che questi consumatori guardano e quelli per cui pagano si sono spostati negli ultimi anni, il loro percorso non è sempre verso il digitale.

Nel panorama dell'intrattenimento domestico in continua evoluzione, una cosa è costante: i consumatori guardano più o meno la stessa quantità di film e TV. A variare sono i metodi. I metodi di visione digitale sono molto diffusi: oltre la metà dei consumatori ha dichiarato di aver acquistato o noleggiato uno o più programmi televisivi in formato digitale negli ultimi sei mesi. Tuttavia, il numero di consumatori di intrattenimento esclusivamente digitali rimane basso: solo il 12% dei consumatori ha dichiarato di essere passato interamente ai mezzi digitali per il consumo di TV e film. La maggior parte delle persone (41%) dichiara di acquistare o noleggiare i propri contenuti sia fisicamente che digitalmente. E anche se Blockbuster ha dichiarato bancarotta cinque anni fa, il 20% delle persone ha dichiarato di acquistare o noleggiare ancora solo dischi fisici.

I contenuti digitali possono non rappresentare la maggior parte degli acquisti o dei noleggi, ma occupano la maggior parte del tempo dei consumatori. In media, i consumatori hanno dichiarato di dedicare il 25% del tempo in meno durante una settimana tipo alla visione di contenuti fisici rispetto a quelli digitali, e la maggior parte della visione digitale avviene tramite servizi di streaming in abbonamento.

Complessivamente, i consumatori hanno riferito che il 19% delle ore totali di visione nell'ultima settimana sono state dedicate a contenuti digitali, di cui il 10% a film in streaming su abbonamento, il 4% a TV/film posseduti in formato digitale, il 4% a TV su cavo video on demand (VOD; ordinazione di video on demand o Pay Per View attraverso un provider via cavo o satellitare per un costo una tantum) e l'1% a film noleggiati in formato digitale online per un costo una tantum. In confronto, i consumatori hanno riferito di aver speso solo l'11% delle ore di intrattenimento in contenuti fisici (il 7% in TV/film acquistati su disco e il 4% in quelli noleggiati). Le restanti ore di visione sono state dedicate ad attività come guardare la TV in diretta o in differita, giocare ai videogiochi o guardare film al cinema.

Anche se forse non c'è spazio nei programmi dei consumatori per i contenuti fisici, c'è sicuramente spazio nei loro portafogli. I consumatori hanno dichiarato di aver speso circa il doppio per l'acquisto e il noleggio di dischi fisici rispetto a quelli digitali nell'ultimo mese. Il 10% dei dollari spesi il mese scorso è stato destinato all'acquisto di dischi TV/film e il 6% al noleggio di dischi fisici, mentre solo il 9% è stato destinato al consumo digitale. Tuttavia, questo surplus non si estende a tutti i tipi di contenuti fisici; i consumatori hanno dichiarato di aver acquistato meno film, sia su disco che in formato digitale, e meno contenuti televisivi in entrambe le forme rispetto all'anno scorso. 

Alcuni gruppi di consumatori dello studio non erano attenti ai prezzi, tra cui gli uomini sotto i 35 anni che sono stati definiti "re dei contenuti" a causa dei loro forti acquisti e noleggi di dischi e contenuti digitali. Nel complesso, tuttavia, gli acquisti di intrattenimento digitale e fisico sono attentamente ponderati. E i segmenti più frugali, come i "casalinghi della vecchia scuola" (adulti anziani conservatori e autonomi) e i "creativi senza fili" (in gran parte Millennials), tengono conto delle spese prima di consumare.

In effetti, i consumatori hanno indicato una crescente preferenza per i contenuti televisivi gratuiti (e in streaming su abbonamento) rispetto all'andare al cinema o alla visione di film in generale. Secondo il Moviegoing Report 2014 di Nielsen, sebbene il 77% degli spettatori statunitensi abbia visto almeno un film al cinema l'anno scorso, la loro frequenza è leggermente diminuita. Rispetto all'anno scorso, la visione di contenuti televisivi gratuiti è aumentata in tutti i metodi di visione, tra cui la TV in diretta, la TV in differita tramite DVR, il VOD su Internet (noleggio di una copia digitale a pagamento) e il VOD via cavo.

Metodologia

Il rapporto Nielsen Home Entertainment Consumer Trends fornisce una visione completa della categoria dell'home entertainment (che comprende qualsiasi formato a pagamento utilizzato per accedere a contenuti televisivi e cinematografici) ed esplora le tendenze nell'utilizzo fisico e digitale, il tempo e i dollari spesi, nonché i metodi utilizzati per accedere ai contenuti. Nel marzo 2015 è stato condotto un sondaggio online su quasi 3.000 consumatori statunitensi di età compresa tra i 12 e i 74 anni, incluso un campione rappresentativo di ispanici americani di lingua inglese e spagnola. 

Continua a sfogliare approfondimenti simili

I nostri prodotti possono aiutare voi e la vostra azienda