02_Elementi/Icone/FrecciaSinistra Torna a Insight
Approfondimenti > Media

Nel mio quartiere: Dal controllo del tempo ai contenuti in streaming, le abitudini mediatiche variano a seconda dei mercati locali

2 minuti di lettura | Gennaio 2015

Viviamo in un'epoca in cui un abitante di Los Angeles può svegliarsi e controllare il meteo in Galles e un abitante di Cleveland può collegarsi e vedere immediatamente le notizie in Costa Rica. Secondo l'ultimo rapporto Local Watch di Nielsen, mentre la connettività ha reso il mondo più piccolo sotto molti aspetti, i consumatori statunitensi vogliono ancora tenersi aggiornati sugli eventi del proprio quartiere. Se da un lato i consumatori continuano a frequentare i locali quando guardano la televisione, dall'altro si rivolgono al digitale per aumentare l'esperienza locale!

Il rapporto ha rilevato che i "digerati locali" - coloro che utilizzano Internet e le applicazioni mobili per le notizie locali e gli eventi della comunità e ritengono che i social network siano importanti per le informazioni locali - sono quasi 30 milioni negli Stati Uniti. Mentre l'11% degli adulti di tutti gli Stati Uniti può essere considerato un digerato locale, Boston (15%), Denver (15%), Orlando (14%), Filadelfia (14%) e Washington, D.C. (14%) vantano i mercati più importanti per questi consumatori. Nella città dell'amore fraterno, il 51% dei digerati locali ha visitato un sito web di una TV locale nell'ultima settimana, il dato più alto di tutti i mercati.

Chi compone questo gruppo esperto di digitale e focalizzato sul territorio?

La maggioranza dei local digerati è di sesso femminile (55%). Questo gruppo è anche più giovane: tra gli adulti di 18 anni e più, i digerati locali raggiungono il picco nella fascia demografica 25-34 anni (25%) e diminuiscono gradualmente con l'aumentare dell'età.

Nonostante la giovane età, hanno anche un potere di spesa.

Circa il 70% di questi consumatori ha un'istruzione e un lavoro. Inoltre, quasi il 40% di loro guadagna più di 75.000 dollari all'anno. In breve, i digerati locali rappresentano un gruppo di telespettatori molto appetibile e un'opportunità d'oro per le emittenti di tutto il mondo per sfruttare i loro contenuti locali unici online con questo pubblico altamente coinvolto.

Nel complesso, il rapporto mostra che il luogo in cui vive un consumatore continua a essere correlato alle sue tendenze di consumo dei media, dalla quantità e dal tipo di contenuti a cui si connette ai dispositivi presenti nelle sue case.

Ad esempio, gli spettatori di Tampa (4 ore e 59 minuti), Filadelfia (4 ore e 50 minuti) e Pittsburgh (4 ore e 46 minuti) sono quelli che passano più tempo al giorno a collegarsi con la TV tradizionale, mentre i consumatori della tecnologica San Francisco trascorrono il maggior tempo al giorno utilizzando dispositivi di streaming over-the-top (14 minuti).

Queste tendenze si riscontrano anche tra le categorie etniche e razziali. Gli spettatori afroamericani di Filadelfia guardano 7 ore e 29 minuti al giorno di TV tradizionale - ben al di sopra della media nazionale - e riferiscono di aver guardato poco lo streaming over-the-top. Nel frattempo, gli spettatori ispanici di San Francisco guardano in media solo 3 ore e 14 minuti al giorno di televisione tradizionale, la più bassa di tutti i mercati, ma 34 minuti al giorno di programmazione spostata nel tempo (come il DVR), la più alta di tutti i mercati tra i consumatori ispanici.

Per la prima volta nella serie, il rapporto ha anche quantificato l'accesso ai servizi video-on-demand (SVOD) su abbonamento, come Netflix e Hulu, nei mercati locali. In tutto il Paese, il 42% delle case ha accesso a uno di questi servizi. Tuttavia, i mercati di San Francisco (52%), Washington D.C. (52%) e Seattle-Tacoma (50%) presentano livelli di accesso a SVOD significativamente più elevati rispetto a qualsiasi altro mercato.

Continua a sfogliare approfondimenti simili