02_Elementi/Icone/FrecciaSinistra Torna a Insight
Approfondimenti > Media

Chi è la squadra americana della NFL? Le classifiche di Nielsen sull'esposizione mediatica descrivono le migliori franchigie calcistiche

4 minuti di lettura | Settembre 2016

Quando si parla di grandezza sulla griglia, le squadre della NFL possono ottenere vittorie in modi diversi dai record sul campo.

Infatti, secondo un recente studio di Nielsen che ha classificato l'esposizione mediatica complessiva di tutte le 32 squadre della NFL durante la stagione regolare, alcune sono andate meglio a livello nazionale, altre hanno avuto indici locali più alti e altre ancora hanno ottenuto grandi risultati nella classifica dei social. In particolare, l'analisi ha utilizzato un sistema ponderato per gli ascolti e le apparizioni nazionali, gli ascolti locali, la portata sociale e le visite online per classificare il "potenziale di esposizione" di ciascuna squadra.

Per i Dallas Cowboys, le classifiche individuali non hanno avuto molta importanza, dato che la squadra si è classificata non meno del secondo posto in quattro categorie su cinque (con un field goal di valore nella classifica numero 1). Anche dopo una stagione da 4-12 l'anno scorso, la "squadra d'America" è riuscita a ottenere la maggiore esposizione mediatica tra le franchigie concorrenti.

Ma i Cowboys non sono stati l'unica squadra a dimostrare che ci sono altri punteggi in cui le squadre possono fare punti. Le squadre possono valutare la loro esposizione con metodi diversi, e ogni forma ha un significato unico a seconda del mercato di riferimento.

"Tutte le franchigie sportive professionistiche, non solo le squadre della NFL, sono sempre più in grado di sfruttare diverse forme di media per entrare in contatto, attivare e far crescere le rispettive tifoserie. Le squadre dei mercati più piccoli hanno ora l'opportunità di far crescere i loro marchi a livello nazionale e, meglio ancora, globale", afferma Stephen Master, SVP e responsabile globale del settore sport di Nielsen.

Seguono a stretto giro Aaron Rodgers e gli storici Green Bay Packers, che hanno ottenuto un punteggio di 182 nel Nielsen Sports Media Exposure Index: ciò significa che l'esposizione mediatica totale della squadra è stata dell'82% superiore alla media delle squadre NFL per le categorie analizzate. L'unica squadra di proprietà della comunità nella NFL ha dimostrato quanto sia importante per l'area di Green Bay classificandosi al primo posto per quanto riguarda gli ascolti delle TV locali.

Anche altre squadre fortemente radicate nelle loro comunità hanno occupato i primi posti delle classifiche locali. Nonostante i piazzamenti a due cifre nelle altre categorie, i Buffalo Bills e i New Orleans Saints si sono piazzati tra i primi cinque a livello locale.

I social media sono diventati rapidamente un modo per i marchi di connettersi con i consumatori e trasmettere messaggi, e nella NFL le franchigie e persino i giocatori hanno sfruttato con successo i social per farlo. Alimentati dallo status di celebrità di uno dei giocatori più noti della lega e dallo scandalo dei palloni sgonfiati, l'universo social ha preso nota. In base alla media delle impressioni totali dei Tweet relativi a ciascuna partita trasmessa, i New England Patriots sono stati la squadra più dominante della NFL dal punto di vista social.

Anche i Giants e i Jets si sono classificati tra i primi 10 nella categoria dei social media. L'elettrizzante Odell Beckham, Jr. dei Giants e le sue battaglie con il nuovo cornerback di Washington, Josh Norman, hanno contribuito a portare la squadra al nono posto nella categoria. Nel frattempo, i Jets si sono piazzati appena davanti ai loro coinquilini del MetLife Stadium, all'ottavo posto.

I record di vittorie non sono necessariamente correlati a indici più elevati. Infatti, quattro delle prime 10 squadre nell'analisi dell'Exposure Ranking non hanno nemmeno raggiunto i playoff la scorsa stagione. I Denver Broncos, campioni del Super Bowl, grazie ai primi 10 posti in tutte le categorie, sono riusciti a entrare nella top five, mentre l'MVP in carica Cam Newton e i Carolina Panthers sono arrivati ottavi.

I Chicago Bears e i Philadelphia Eagles, due squadre di mercato più grandi che hanno mancato la postseason, hanno comunque ottenuto vittorie nonostante i record non proprio eccellenti. I Bears si sono classificati al sesto posto nelle classifiche televisive nazionali e al nono posto nelle classifiche dei siti web (dove la popolarità si basa sull'audience media mensile unica). I Philadelphia Eagles si sono piazzati addirittura tra i primi 10 in quattro categorie su cinque, una delle quali era il terzo posto per il numero di apparizioni in partite televisive di rilievo.

METODOLOGIA

La classifica Nielsen Media Exposure ha misurato tutte le 32 squadre in cinque categorie durante la stagione 2015-16: ascolti televisivi locali, ascolti televisivi nazionali, apparizioni nazionali, impressioni social (Nielsen Twitter TV Ratings) e pubblico unico mensile ai siti web ufficiali delle squadre. Per ogni categoria è stata calcolata la media delle squadre NFL e i punteggi relativi di ciascuna squadra NFL sono stati indicizzati rispetto alla media. Gli indici di tutte e cinque le categorie sono stati poi aggregati in un Nielsen Media Exposure Index complessivo, utilizzando un sistema di ponderazione in base al "potenziale di esposizione" della categoria.

Continua a sfogliare approfondimenti simili