Passa al contenuto
Approfondimenti > Media

L'uso dei video durante il giorno è la nuova norma tra i professionisti che lavorano

4 minuti di lettura | Dicembre 2020

Quando le persone in tutto il mondo si sono ritirate nelle loro case a causa della pandemia di COVID-19 all'inizio di quest'anno, sapevamo che il consumo di video, in particolare di TV, avrebbe subito un'impennata. Ma allo stesso tempo sapevamo che il consumo sarebbe tornato gradualmente alle medie stagionali. L'aumento e la successiva normalizzazione del consumo durante la giornata lavorativa, tuttavia, sono stati inaspettati, soprattutto tra i professionisti e i manager in remoto. Ma questa è la nuova realtà del consumo di media.

Ad agosto, molti consumatori statunitensi si stavano ancora adattando al lavoro in remoto. Questo adattamento ha comportato l'integrazione delle loro giornate lavorative con contenuti video, dato che il 65% degli intervistati in un sondaggio Nielsen sui lavoratori a distanza ha dichiarato di guardare la TV o contenuti video in streaming durante le pause di lavoro. In altri casi, il video è diventato un compagno di lavoro, dato che il 56% degli intervistati ha dichiarato di guardare la TV o contenuti video in streaming con l'audio (il 50% lo ha fatto senza audio) mentre lavorava attivamente.

Ora, dopo aver vissuto in una pandemia per nove mesi, il giorno è diventato una seconda prima serata per il consumo totale di TV tra molti ex professionisti e manager d'ufficio. In media, questi lavoratori hanno aumentato il tempo totale trascorso davanti alla TV (in diretta, in differita, su dispositivi collegati a Internet, su console di gioco) del 21% tra le 9.00 e le 16.00 dell'ottobre 2020. Tra i professionisti, questo aumento equivale a 26 minuti in più al giorno. Durante una tipica settimana lavorativa (9.00-16.00 dal lunedì al venerdì), i professionisti si dedicano alla TV due ore e 10 minuti in più rispetto a un anno fa. È importante notare che l'aumento del consumo diurno non ha influito negativamente sulla visione serale. Infatti, questi stessi telespettatori hanno aumentato il loro utilizzo anche tra le 17.00 e le 20.00.

Sebbene l'utilizzo complessivo dei media negli Stati Uniti si sia normalizzato dopo i picchi causati dalle restrizioni iniziali del "shelter-in-place", la forza del mercato dello streaming e l'appetito dei consumatori per i contenuti hanno ribaltatoper sempre la quota di consumo, unatendenza che si è concretizzata molto durante la giornata lavorativa, e non solo tra i lavoratori remoti. 

A differenza dell'uso delle console per videogiochi e dei DVD, l'uso diurno dei dispositivi connessi a Internet è aumentato a due cifre in tutte le fasce d'età e in tutti i gruppi di lavoratori/non lavoratori. Tra i professionisti, l'aumento delle tracce di dispositivi connessi a Internet si è verificato durante tutta la giornata, mentre tra i ragazzi l'aumento è stato più simile a una curva a campana, con i maggiori incrementi intorno all'ora di pranzo. Questa curva a campana, tuttavia, include alcuni forti aumenti nell'uso totale della TV durante il tipico orario scolastico: 50 minuti a settimana tra i bambini di età compresa tra i 2 e i 5 anni; 3 ore e 25 minuti tra i bambini di età compresa tra i 6 e gli 11 anni e due ore tra i ragazzi di età compresa tra i 12 e i 17 anni.

Le implicazioni di questo cambiamento di comportamento per le reti, gli inserzionisti e le agenzie sono significative per due motivi principali: i tempi di coinvolgimento e il potere di spesa dell'audience. 

È ovvio che le reti, i programmatori e gli inserzionisti mirano a raggiungere un pubblico specifico. Oggi, il momento per raggiungere quel pubblico è diverso rispetto a gennaio. Ciò significa che i creatori di contenuti, i network e i marketer dovrebbero pensare attivamente ad apportare modifiche per garantire che i loro sforzi siano visti e ascoltati quando il coinvolgimento è elevato. Inoltre, date le implicazioni economiche della pandemia, non tutti i consumatori hanno la possibilità di spendere liberamente. Tra i gruppi di consumatori, i professionisti e i manager hanno maggiori probabilità di essere in qualche modo isolati e in genere vivono in famiglie con un reddito più elevato rispetto ai non professionisti.

L'attenzione non dovrebbe però ricadere tutta sui professionisti. Anche i ragazzi sotto i 18 anni hanno trascorso gli ultimi nove mesi ad adattarsi e hanno stabilito nuove routine quotidiane che comportano un tempo significativamente maggiore con la TV rispetto all'anno precedente. Ad esempio, nell'ottobre 2020 l'utilizzo totale della TV tra le 9.00 e le 16.00 è stato superiore del 41% e del 56% rispettivamente tra i ragazzi di 12-17 e 6-11 anni, rispetto all'ottobre 2019. E poiché gran parte di questo impegno proviene da dispositivi connessi a Internet e console per videogiochi, si può scommettere che le famiglie di questi ragazzi sono degne di un maggiore impegno da parte del marchio durante il giorno.

Poiché molti bambini in tutto il Paese partecipano all'apprendimento a distanza, almeno per una parte della settimana, l'aumento dell'uso dei media durante il giorno dovrebbe essere in qualche modo prevedibile, ma forse non nella misura in cui lo vediamo tra i bambini di età compresa tra i 6 e gli 11 anni (82% in più alle 11 del mattino). È interessante notare che l'aumento non è attribuibile esclusivamente ai dispositivi connessi a Internet e all'uso delle console per videogiochi. Sebbene queste opzioni siano gli svaghi dominanti del giorno, i ragazzi tra i 6 e gli 11 anni e tra i 12 e i 17 anni trascorrono un tempo a due cifre guardando la televisione in diretta o in differita e guardando i DVD.

Secondo uno studio del 2009 condotto da Phillippa Lally e pubblicato sull'European Journal of Social Psychology, ci vogliono in media 66 giorni prima che un nuovo comportamento diventi automatico e di routine. Oggi siamo ben oltre questo lasso di tempo, il che ha implicazioni significative per i comportamenti pre-COVID. 

Se consideriamo questi risultati attraverso una lente mediatica, gli americani che hanno lavorato da casa per la maggior parte del 2020 hanno avuto tempo a sufficienza per abituarsi alla nuova routine di utilizzo della TV. Considerando l'aumento dei casi di COVID-19 nelle ultime settimane e le nuove restrizioni introdotte in varie aree metropolitane del Paese, le reti, i programmatori e gli inserzionisti dovrebbero massimizzare la maggiore esposizione che il pubblico chiave ha durante la giornata con il televisore. Le nuove abitudini consolidate dei consumatori, i mesi invernali più freddi e le maggiori restrizioni di movimento consolideranno ulteriormente la TV diurna come vero e proprio compagno di lavoro.