02_Elementi/Icone/FrecciaSinistra Torna a Insight
Approfondimenti > Digitale e tecnologia

Come affrontare le sfide della pubblicità digitale durante una pandemia globale

3 minuti di lettura | Maggio 2020

Il nostro ecosistema mediatico globale si è trovato di fronte a una minaccia grave e senza precedenti: gli operatori del marketing hanno ridotto la spesa pubblicitaria sia per l'impatto economico della pandemia COVID-19, sia per dissociarsi dalla copertura a tappeto di morti e infezioni. Inoltre, gli annunci sulla COVID-19 sono stati costanti. Tuttavia, poiché la COVID-19 è destinata a rimanere almeno a medio termine, l'utilizzo di un pubblico online altamente coinvolto non è mai stato così critico per invertire la tendenza alla riduzione dei margini. 

In tutto il mondo, le persone si sono affollate online come fonte di notizie chiave per comprendere gli ultimi aggiornamenti sulla pandemia sanitaria globale COVID-19. Per i venditori di media, questo significa che il pubblico è in crescita e per gli acquirenti di pubblicità, raggiungere il pubblico desiderato e altamente coinvolto non è mai stato così facile. 

Australiani, italiani, giapponesi, thailandesi e americani dai 18 anni in su hanno utilizzato i loro dispositivi digitali per essere informati, nonostante si trovino in fasi diverse della pandemia: per l'Italia le misure di blocco sono iniziate all'inizio di marzo, per l'Australia a metà marzo, per la Thailandia e gli Stati Uniti a fine marzo e per il Giappone all'inizio di aprile. A marzo, le notizie hanno registrato un forte aumento del tempo trascorso rispetto all'anno precedente, in particolare sui dispositivi mobili. 

Gli editori online hanno l'opportunità di commercializzare questo aumento delle notizie e delle abitudini generali di consumo dei media. I dati dell'indagine Nielsen riportati nel white paper del World Economic Forum Capire il valore nei media: Prospettive dei consumatori e dell'industria riportano che in media il 16% delle persone in Cina, Germania, India, Corea del Sud, Regno Unito e Stati Uniti attualmente paga per i contenuti giornalistici; tuttavia, il 53% indica che sarà disposto a pagare in futuro. È giunto il momento di essere proattivi nel trattenere i nuovi abbonati che si sono impegnati con i vostri contenuti giornalistici durante la pandemia. Considerate gli skinny bundle come strumenti di fidelizzazione per combattere la stanchezza dei consumatori e fornire supporto in un momento di difficoltà finanziaria. 

Purtroppo, durante il periodo COVID-19, le tariffe CPM sono diminuite drasticamente in tutto il mondo. Ciò ha offerto l'opportunità a molti inserzionisti medio-piccoli di acquistare impressioni a un prezzo inferiore. Alcuni brand manager hanno considerato la pubblicità in questo momento come troppo rischiosa per la loro immagine, mentre altri hanno sfruttato un'opportunità conveniente per raggiungere un vasto pubblico. 

Le impressioni pubblicitarie digitali globali su dispositivi mobili (+32%) e over-the-top (+182%) sono aumentate in modo significativo nel primo trimestre 2020 rispetto al primo trimestre 2019, mentre le impressioni su computer hanno registrato un calo del -9%. La pandemia ha amplificato queste tendenze che si erano già manifestate negli ultimi anni. Con tariffe CPM più convenienti, è il momento per i marketer di riconsiderare l'allocazione di una piccola parte dei loro budget a formati pubblicitari che non hanno ancora provato e testato. 

L'acquisto e la vendita di annunci digitali in una pandemia globale è una sfida. In questa fase della pandemia, la decisione migliore per i marketer è quella di agire con tempistiche a breve e medio termine e di rivalutare costantemente opportunità e rischi, sfruttando al contempo i bassi tassi CPM record. 

Continua a sfogliare approfondimenti simili

I nostri prodotti possono aiutare voi e la vostra azienda