Passa al contenuto
Approfondimenti > Pubblico

L'informazione è fondamentale per gli acquirenti australiani online

5 minute read | Lillian Zrim, Direttore associato, Nielsen | Aprile 2016
{“order”:2,”name”:”subheader”,”attributes”:{“backgroundcolor”:”000000″,”imageAligment”:”left”,”linkTarget”:”_self”,”pagePath”:”/content/corporate/au/en/insights”,”title”:”Insights”,”titlecolor”:”A8AABA”,”sling:resourceType”:”nielsenglobal/components/content/subpageheader”},”children”:null}

Gli acquirenti australiani cercano maggiori informazioni sui prodotti e sui servizi che acquistano online e sono sempre più attenti ai prezzi. Fortunatamente, l'era dello shopping online è ben viva e offre una pletora di opportunità per educare, coinvolgere e informare l'acquirente durante tutto il percorso di acquisto. 

La diciottesima edizione del rapporto annuale di Nielsen sui consumatori connessi ha rilevato che quasi tutti gli australiani online hanno utilizzato Internet per effettuare una qualche attività di acquisto e circa uno su quattro acquista articoli online almeno settimanalmente.

Osservando le tendenze di acquisto per categoria, è evidente che si stanno verificando alcuni cambiamenti importanti nel panorama della vendita al dettaglio online australiana. Per la prima volta, i consumatori acquistano online più abbigliamento, scarpe e accessori che viaggi. Anche gli acquisti per l'intrattenimento, come biglietti per concerti, film ed eventi, e i generi alimentari (esclusi i fast food) hanno registrato una crescita. 

L'ORA DELLO SHOPPING NON È LA STESSA PER TUTTINonostante la crescente tendenza dei consumatori a fare acquisti online per più categorie, ciò non ha comportato cambiamenti nell'orario in cui le persone si collegano. In generale, gli acquisti online avvengono nell'arco della giornata, con un picco maggiore la sera tra le 18.00 e le 22.00 e un picco minore all'inizio della giornata lavorativa: uno schema che si è mantenuto costante negli ultimi anni.

Tuttavia, mentre la maggior parte degli acquisti online avviene nella fascia oraria compresa tra le 18.00 e le 22.00, l'importante gruppo di età superiore ai 60 anni si comporta in modo opposto, con la maggior parte degli acquisti online che avviene tra le 9.00 e le 12.00. Questa fascia di età è anche molto più propensa ad acquistare vino online (26%). I rivenditori e i produttori devono essere in grado di comprendere le diverse fasce demografiche che accedono ai loro prodotti e siti, in modo da coinvolgere la persona giusta con il messaggio giusto al momento giusto. 

I DISPOSITIVI MOBILI SONO UNO STRUMENTO CHIAVE IN TUTTE LE FASI DELLO SHOPPINGAnche se il PC tradizionale prevale ancora come dispositivo chiave utilizzato per lo shopping online, è in forte declino a causa dell'aumento dell'utilizzo dei dispositivi mobili. Anche l'uso dei dispositivi mobili per ricercare i prodotti mentre si è in negozio è un'attività popolare per aiutare il processo decisionale; oltre la metà della popolazione online ricerca e confronta i prezzi in negozio almeno qualche volta prima di effettuare un acquisto. Esistono enormi opportunità per i rivenditori e i marchi in grado di sviluppare processi di vendita online e campagne di marketing più adatti ai dispositivi mobili.

Due terzi degli australiani online utilizzano una forma di pagamento senza contatto (PayWave o PayPass) con una carta di credito o di debito nei negozi, con un aumento di sei punti percentuali rispetto al 2014. Anche l'utilizzo regolare di questa forma di pagamento è aumentato di tre punti, raggiungendo il 33% rispetto allo scorso anno, il che indica un ulteriore radicamento di questa comoda funzione di pagamento. L'adozione più ampia dei pagamenti senza contatto potrebbe aprire la strada al portafoglio mobile (cioè "toccare" il cellulare per i pagamenti), ma i problemi di sicurezza sono ancora una preoccupazione per la metà degli australiani online riguardo a questo metodo.

PIÙ DETTAGLIATE SONO LE MIGLIORI PER LA CATEGORIA ALIMENTARE E GROCERYIl settore alimentare e grocery online ha registrato un significativo aumento del coinvolgimento dei consumatori, con quasi un quarto (24%) degli acquirenti online che ha effettuato un acquisto in questa categoria negli ultimi sei mesi (rispetto al 16% del 2014). Questo risultato è stato in gran parte determinato da un forte aumento degli acquisti da parte di uomini e di persone di età inferiore ai 45 anni.

Più di sette acquirenti di generi alimentari online su dieci affermano che il prezzo è la cosa più importante, seguito dai dettagli del prodotto (come gli ingredienti e le informazioni nutrizionali), che vengono analizzati da vicino da poco più della metà degli acquirenti online. In effetti, soprattutto tra i consumatori più giovani cresce l'interesse per i dettagli specifici dei prodotti e per le informazioni nutrizionali, evidenziando la necessità che i rivenditori e i produttori siano molto espliciti e trasparenti nelle informazioni sui prodotti online. 

Oltre al fatto che i consumatori cercano maggiori dettagli sui prodotti e sui servizi che acquistano online, è in aumento la tendenza degli australiani online a cercare prodotti e informazioni direttamente dalla fonte. Per quanto riguarda la ricerca di alimenti e generi alimentari, il numero di consumatori che si rivolge direttamente alla destinazione online del rivenditore è ancora dominante ma in calo, mentre la visita al sito o all'app del produttore è cresciuta dell'11% per un totale del 40%. 

La continua crescita del commercio connesso è inevitabile e il percorso di acquisto del consumatore australiano connesso sta diventando più complesso e fluido. Stiamo incorporando punti di contatto digitali lungo l'intero processo: dalla recensione dei prodotti online a casa, all'utilizzo degli smartphone come assistenti personali per gli acquisti in negozio. Quasi sei consumatori su dieci guardano un articolo in negozio, ma alla fine lo acquistano online.

Con i consumatori che si spostano facilmente tra i canali di vendita al dettaglio online e offline e che richiedono un'abbondanza di informazioni a portata di mano, i rivenditori e i produttori devono comprendere i comportamenti degli individui e fornire informazioni sui prodotti facilmente accessibili e offerte interessanti in entrambi gli ambienti.

Acquistate il Rapporto australiano sui consumatori connessi 2016 qui.  

Informazioni sul Rapporto Nielsen sui consumatori connessi in Australia, 2016Il Rapporto Nielsen sui consumatori connessi in Australia 2016 è uno strumento unico nel settore per guidare la strategia di marketing e media della vostra azienda in linea con i consumatori connessi di oggi. Gli approfondimenti e i set di dati completi offrono alla vostra azienda una capacità unica di identificare i segmenti di pubblico principali e di approfondire il consumo di contenuti su dispositivi e multipiattaforma, i comportamenti e le influenze di acquisto e il modo in cui interagiscono con i marchi. 

Disporre di oltre 18 anni di dati storici provenienti dal rapporto annuale Nielsen sui consumatori connessi in Australia vi permette di vedere come sono cambiate le tendenze e di prevedere cosa c'è dietro l'angolo, in modo da poter cogliere e massimizzare le opportunità di questo consumatore sempre più connesso.