02_Elementi/Icone/FrecciaSinistra Torna a Insight
Approfondimenti > Media

Scegliere o perdere: La scelta dei media è ampia, ma molti americani restano fedeli a ciò che conoscono

4 minuti di lettura | Luglio 2019

Una delle maggiori sfide che i consumatori di media consumatori di oggi è trovare qualcosa da guardare o ascoltare. Può essere giusto? Dopotutto, viviamo in un'epoca in cui migliaia di contenuti sono a portata di click o uno swipe di distanza.

Per quanto difficile da immaginare, non è raro che si verifichino scenari di indecisione. scenari di indecisione, ma questo è dovuto al fatto che passiamo molto tempo a controllare anteprime, trailer, teaser, orari e tempo a controllare anteprime, trailer, teaser, orari e liste, eppure fatichiamo ad approdare a qualcosa che ci coinvolga davvero.

Ma questa non è solo una tragedia per i consumatori. Ha ha un effetto altrettanto negativo sui creatori di contenuti, sui programmatori, piattaforme e i responsabili del marketing. Dopo tutto, se i loro sforzi falliscono, i consumatori passano più tempo a cercare e meno a consumare. tempo a cercare e meno a consumare.

Con così tanta scelta a disposizione, come fanno i consumatori moderni a navigare nel "paradosso della scelta" e a decidere cosa guardare? consumatori moderni a navigare nel "paradosso della scelta" e a decidere cosa guardare? Stanno servizi in abbonamento e on-demand, o si affidano a mezzi tradizionali come i programmi in diretta e il DVR? tradizionali, come i programmi programmati in diretta e il DVR?

Sorprendentemente, i risultati del primo trimestre del Nielsen Total Audience Report suggeriscono che potrebbe essere quest'ultimo, dato che gli utenti dello streaming tendono a tornare verso le loro preferenze televisive tradizionali quando non sono sicuri di cosa guardare. Tuttavia, sette case su dieci dispongono di un servizio di video on demand (SVOD) in abbonamento e il 72% utilizza dispositivi televisivi compatibili con lo streaming, il che impone ai servizi di streaming di mantenere gli utenti impegnati con i contenuti delle loro piattaforme sempre più accessibili.

Quando guardiamo agli streamer video, gli americani sono piuttosto concentrati. In particolare, il nostro sondaggio MediaTech Trender ha rilevato che in tutte le occasioni in cui guardano in streaming TV o video, quasi due terzi degli adulti che guardano in streaming contenuti video video in streaming sono propensi a guardare quando sanno esattamente cosa vogliono. Un terzo guarderà un terzo guarda quando ha un'idea di massima, e solo il 22% guarda quando non sa cosa vuole non sanno cosa vogliono prima di immergersi nelle opzioni.

Per coloro che sono ancora indecisi su cosa cosa guardare, la questione si complica quando si analizza il modo in cui i ragazzi fanno le loro scelte. scelte.

L'aspetto interessante dei videostreamer è che è che sono spesso "tornati indietro". In altre parole, preferiscono ciò che conoscono e si sentono a proprio agio. Infatti, il 58% dichiara di tornare ai canali tradizionali preferiti, il 44% di scorrere le opzioni di canali tradizionali preferiti, il 44% ama scorrere le opzioni dei canali tradizionali, il 39% scansionare gli elenchi dei programmi e il 31% sfogliare le registrazioni del proprio DVR.

In confronto, sono molto meno gli utenti SVOD che scansionano i loro menu dei contenuti in abbonamento. Questo significa che i creatori di contenuti SVOD, i programmatori, piattaforme e i responsabili del marketing hanno un po' di lavoro da fare per dare agli spettatori ciò che che cercano. I dati lo dimostrano. Solo un terzo degli intervistati adulti dichiara di di sfogliare i menu dei contenuti SVOD alla ricerca di altri contenuti, mentre il 21% dichiara di voler semplicemente di non guardare più contenuti.

Il curioso caso della demo del nucleo

Quale gruppo è più suscettibile all'indecisione? indecisione? Il gruppo che gli esperti di marketing coprono maggiormente: i giovani tra i 18 e i 49 anni.

In confronto, gli adulti più giovani sono più propensi esplorare. Sfoglieranno i menu, controlleranno i programmi che sono stati e uscire dalla loro tradizionale zona di comfort per quanto riguarda i contenuti. Ma tendono anche ad affidarsi a un'altra strada "estrema", dato che hanno riferito di sintonizzarsi di sintonizzarsi su livelli più alti rispetto ad altri gruppi demografici.

Quanto tempo le persone si soffermano sui loro contenuti? opzioni di contenuto? In media, sono stati registrati 9,4 minuti per gli adulti tra i 18 e i 34 anni e 8,4 minuti per gli adulti tra i 35 e i 49 anni. 8,4 minuti per gli adulti tra i 35 e i 49 anni che guardano in streaming. Pensate a quanto maggiore coinvolgimento fornitori di contenuti e piattaforme potrebbero ottenere se eliminassero le congetture. E se lo facessero, avrebbero tassi di fidelizzazione migliori. Questo perché quasi 30% degli adulti 18-49 che guardano i contenuti in streaming ha dichiarato che a volte smettono di guardarli se se non trovano qualcosa di interessante.

Essere sommersi dalla scelta non è una novità per il mondo dei contenuti. La televisione tradizionale ha affrontato problemi simili per decenni. Ma per i nuovi attori del gioco, perfezionare le raccomandazioni e creare menu ed esperienze utente che si adattino meglio ai gusti degli utenti potrebbe essere il modo migliore per combatterlo.

NULLA

  • Clicca qui per ulteriori informazioni sul rapporto Nielsen sull'audience totale del 1° trimestre 2019.
  • Clicca qui per acquistare il Rapporto sul pubblico totale del 1° trimestre 2019.

Continua a sfogliare approfondimenti simili

I nostri prodotti possono aiutare voi e la vostra azienda