02_Elementi/Icone/FrecciaSinistra Torna a Insight
Approfondimenti > Media

Estate lunga e calda e aumento della spesa media lorda nel 2018

3 minuti di lettura | Berry Punt, Responsabile marketing, Nielsen Media | Maggio 2019

Durante la lunga estate calda è stato battuto un record dopo l'altro, ma l'influenza diretta della lunga estate calda sulla spesa media lorda non è immediatamente evidente. È quanto emerge dal nuovo rapporto annuale Nielsen Gross Media Spending 2018. Il tradizionale calo estivo non è stato maggiore rispetto agli altri anni. 

Non si può dire lo stesso delle dimensioni della spesa media lorda. Questa è aumentata significativamente nel 2018 del 7,5% e alla fine dell'anno aveva un budget totale di 7,9 miliardi di euro. La crescita della spesa non è distribuita uniformemente tra i diversi tipi di media. Televisione, internet e out-of-home mostrano cifre di crescita superiori alla media, mentre la carta stampata attenua questa crescita.

Questo sviluppo non è unico per il 2018. Questo spostamento dalla carta alle immagini (digitali) è stato visibile anche negli anni precedenti. Ciò ha ovviamente conseguenze sulle quote di spesa, con la televisione e Internet che prendono il sopravvento e la stampa che perde quota di anno in anno.

I dati principali del 2018 mostrano che la composizione della spesa varia per ogni tipo di mezzo. Almeno se si considerano i principali inserzionisti e le loro quote nella spesa totale dei media per quel tipo di mezzo. In televisione, i dieci maggiori inserzionisti sono responsabili del 17% delle quote, mentre i dieci maggiori volantini raccolgono già il 40% delle quote. Al cinema la percentuale è addirittura del 45%.

Il numero di inserzionisti con un budget di 1 milione di euro o più varia anche in base al tipo di mezzo di comunicazione. Le riviste pubbliche, gli opuscoli e i cinema hanno il minor numero di inserzionisti di questo tipo, mentre la televisione, la radio e i giornali hanno il maggior numero di "big spender". La quota di spesa di questo gruppo selezionato di inserzionisti è tuttavia diversa. In televisione è del 96%, ma nei quotidiani il 9% degli inserzionisti - quelli che spendono un milione o più - è responsabile del 72% della spesa.

I volantini mostrano i numeri più estremi. Un piccolo gruppo di 37 inserzionisti rappresenta l'80% della spesa e il 96% di tutta la spesa mediatica lorda all'interno dei pieghevoli proviene dal gruppo principale della vendita al dettaglio. Ciò rende le brochure una parte molto chiara del mercato dei media.

Sotto l'influenza della digitalizzazione, si fa sempre più distinzione tra guardare, leggere e ascoltare. Indipendentemente dal fatto che si tratti o meno della forma classica di consumo dei media. Per esempio, l'ascolto può essere l'ascolto della radio in diretta tramite un dispositivo FM, ma anche l'ascolto di Spotify tramite uno smartphone o l'ascolto della radio in diretta tramite un tablet. Si tratta di un mix di dispositivi, metodi di ricezione e forme di audio che alla fine si traducono in "ascolto". Lo stesso vale per la televisione e la lettura.

La distribuzione della spesa lorda per i media in base alle tre forme di consumo mostra un aumento in ciascuno dei tipi di contenuto. Il quarto cluster è lo stesso del fuori casa della tabella precedente, in quanto non è attribuibile a nessuno degli altri tre cluster.

Potete leggere questo e tutti gli sviluppi per tipo di mezzo, per settore, per stagione, per inserzionisti, per marchi e molto altro nel Rapporto annuale Nielsen Gross Media Spending 2018. Ordinate un rapporto? Contattateci.

Continua a sfogliare approfondimenti simili

I nostri prodotti possono aiutare voi e la vostra azienda