Passa al contenuto
Approfondimenti > Media

Attenzione ai marketer: Le donne americane sono ansiose di sentirvi

4 minuti di lettura | Novembre 2019

Pensate a tutto ciò che dovete fare oggi. Se siete donne, è molto probabile che dobbiate lavorare un po' più duramente degli uomini per portare a termine tutto. Anzi, forse dovrete farlo meglio per essere all'altezza. Tuttavia, nonostante le innumerevoli responsabilità e sfide che le donne devono affrontare in una determinata settimana, sono voraci consumatrici di media. In una settimana media, gli oltre 156 milioni di donne negli Stati Uniti consumano poco meno di 73 ore di media, ovvero cinque ore in più degli uomini.

Si tratta di cinque ore aggiuntive di opportunità per i marchi, i marketer e i proprietari di media. E sapendo che guidano il 70%-80% degli acquisti dei consumatori, il loro consumo totale di media è più di una semplice porta aperta per qualsiasi azienda che voglia aiutarli ad alleggerire il loro carico quotidiano e a competere per il loro business.

Alleggerire il carico, tuttavia, significa aiutare le donne nelle sfide che devono affrontare, nonsviluppare campagne inondate di rosa che alimentano stereotipi dannosi. Trovare il giusto equilibrio ha un vantaggio sostanziale, poiché gli inserzionisti che si impegnano con le donne in modo significativo attraverso le piattaforme e i canali ne trarranno indubbiamente beneficio.

Tra le varie opzioni mediatiche, la TV rimane la preferita, in quanto rappresenta otto minuti su 10 di consumo mediatico. Nel mese di gennaio di quest'anno, gli americani hanno guardato 36,5 miliardi di ore di televisione lineare (programmazione programmata). Hanno anche guardato 9 miliardi di ore di video over-the-top. Se consideriamo il consumo totale di TV, le donne hanno superato gli uomini in ognuno degli ultimi quattro anni.

Le donne adulte negli Stati Uniti trascorrono quasi quattro ore al giorno con la TV in diretta, il che offre un'ottima opportunità di coinvolgimento. Inoltre, sono interessate a guardare ancora di più: Il 29,4% delle donne di età pari o superiore ai 18 anni si dichiara interessata o abbastanza interessata a guardare la TV in diretta sul proprio telefono, mentre il 14% dichiara che pagherebbe un canone mensile per guardare la TV in diretta sul proprio telefono.

L'aumento del consumo di media riflette la libertà che deriva dalla connettività e dall'accesso alle informazioni, il che significa che i marchi e i pubblicitari devono lavorare di più per superare la confusione e far sentire i loro messaggi. E quando si tratta di risuonare con le donne, i responsabili del marketing e gli inserzionisti devono offrire una mano invece di un prodotto stereotipato incentrato sul genere e con un prezzo più alto.

Oltre a essere la cosa giusta da fare, offrire una mano ha un potenziale ROI significativo, semplicemente a causa delle dinamiche familiari. Mentre il 93% delle donne in Nord America ha la responsabilità condivisa o primaria della spesa quotidiana, delle faccende domestiche e della preparazione del cibo, il 53% delle donne negli Stati Uniti dichiara di essere il capofamiglia, rispetto al 50-50 del 2009. Le donne, inoltre, sono più numerose degli uomini negli Stati Uniti di 6 milioni, il che significa che la loro capacità di spesa è ineguagliabile, così come la loro voglia di imparare, realizzare e avere successo.

Rispetto a cinque anni fa, 1,1 milioni di donne in più hanno conseguito una laurea e quasi 1 milione di madri lavoratrici in più. Le donne investono nel loro futuro: il 38% delle donne statunitensi considera il proprio lavoro come una carriera. E cercano di andare oltre: l'11% investe nella formazione continua da adulta, con un aumento rispetto al 3% del 2014. Il loro obiettivo di fare carriera sta ridisegnando il panorama lavorativo, visto che negli Stati Uniti 74,3 milioni di donne occupano posizioni di leadership, in aumento rispetto ai 68,3 milioni di cinque anni fa.

Ma ci sono ancora progressi da fare sul fronte dell'uguaglianza. Gli uomini adulti negli Stati Uniti hanno ancora maggiori probabilità di trovarsi in una posizione di leadership (63,4% contro 57,1%). Le madri con figli di età inferiore ai 12 anni stanno leggermente meglio: il 65,5% afferma di trovarsi spesso in una posizione di leadership. Forse perché sono molto più propense a frequentare corsi di formazione continua per adulti e a conseguire altri titoli di studio.

Data la quantità di media che le donne consumano, è importante che i marchi, le agenzie creative e i pubblicitari conoscano il valore dei loro messaggi. È importante notare che negli Stati Uniti le donne sono più propense a considerare la pubblicità televisiva come una fonte di informazioni significative e utili su prodotti e servizi rispetto agli uomini. Quindi, fin dall'inizio, gli inserzionisti hanno maggiori probabilità di raggiungere le donne rispetto agli uomini. E quando gli inserzionisti colpiscono il pubblico a cui si rivolgono, le loro probabilità migliorano ulteriormente.

L'opportunità dei media è onnipresente. Gli adulti negli Stati Uniti trascorrono quasi 11 ore e mezza con i media ogni giorno, e in qualche modo la nostra dieta mediatica del primo trimestre 2019 è cresciuta di 21 minuti su base annua. Non ci sono quindi barriere al coinvolgimento dei consumatori. E quando si tratta di donne, queste sono impegnate, desiderose di aiuto e hanno occhi e orecchie aperte per i marchi che offrono una mano. 

Metodologia

Gli approfondimenti contenuti in questo articolo sono stati ricavati dalle seguenti fonti: